Partita la missione di SpaceX con il suo primo satellite orbitante

spacex falcon9

Tre è il numero magico. E, finalmente, la missione SpaceX prende il via. Inizia, infatti, al terzo tentativo della società di trasporto spaziale la missione del razzo Falcon 9. Un lancio effettuato con successo e come da programma.

Dopo due ritardi, Elon Musk e il team di SpaceX hanno tirato un sospiro di sollievo. Il lancio è stato eseguito dalla base di Cape Canaveral, in Florida, lo scorso 3 dicembre. L'ora ufficiale di decollo le 17:41 ora locale, 23.41 ora italiana.

Il lancio era originariamente previsto più di una settimana fa,ossia il 25 novembre. Tuttavia, il razzo aveva incontrato alcune difficoltà tecniche alcuni minuti prima del decollo. "Abbiamo osservato delle letture inaspettate con il primo sistema di ossigeno liquido, così abbiamo deciso di indagare", aveva riferito un portavoce di SpaceX.

Il secondo tentativo di lancio era stato fissato per il giorno del Ringraziamento, il 28 novembre, ma anche questa chance si è imbattuta in numerosi problemi. Il CEO di SpaceX, Elon Musk, aveva dato notizia in prima persona sul suo profilo Twitter del fatto che il lancio automatico era stato interrotto a causa di una "spinta più lenta del previsto della rampa". Mentre aggiungeva di sperare che il razzo potesse ancora avere una possibilità, avviando una sequenza di lancio manuale.

Sembra, dunque, che Musk e i suoi dipendenti abbiano lavorato per tutto il weekend al fine di portare in orbita il proprio Falcon. Musk aveva anche aggiunto che il lancio di giovedì scorso era stato interrotto a causa di una contaminazione di ossigeno nelle accensioni contenenti TEA-TEB. E lunedì aveva scritto su Twitter che il generatore di gas a motore centrale del razzo sarebbe stato sostituito "come misura precauzionale ".

Qualsiasi misura di precauzione è ottima, secondo David Todd, analista senior del settore spaziale per Flightglobal/Ascend. "Un ritardo di un paio di giorni non è un problema. È quando le cose ritardano di mesi che lo è".

Il razzo Falcon 9 porterà in orbita geostazionaria il satellite di telecomunicazioni SES-8, a circa 80 mila chilometri dalla superficie terrestre.

Federica Vitale

Leggi anche:

- SpaceX: tutto pronto per il nuovo lancio di Dragon domani

Cerca