Satellite Goce: rientrato a Terra

goce

Il satellite Goce è rientrato senza fare grossi danni sulla Terra. La scorsa notte, attorno alle 2 ora italiana, la sonda dell'Agenzia Spaziale Europa ha attraversato i cieli della Siberia, dell'Oceano Pacifico occidentale, dell'Oceano Indiano orientale fino ad arrivare in Antartide. Come previsto, il satellite si è disintegrato nell'alta atmosfera.

Lanciato nel marzo del 2009, Goce ha mappato le variazioni nella gravità terrestre con una grande precisione. Il risultato è la forma più accurata del ' geoide ', utilizzata per conoscere a fondo la circolazione oceanica, il livello del mare, la dinamica del ghiaccio e l'interno della Terra.

Il 21 ottobre scorso, la sua missione è giunta alla sua fine naturale quando il satellite ha consumato tutto il carburante. Nel corso delle ultime tre settimane, il veicolo è progressivamente sceso di quota.

Mentre la maggior parte dei 1100 kg del satellite si è disintegrata nell'atmosfera, secondo l'Esa il 25 % ha raggiunto la superficie terrestre ma i suoi frammenti non avrebbero causato danni.

"Il satellite GOCE con un peso di una tonnellata è solo una piccola frazione delle 100-150 onnellate di oggetti spaziali artificiali che rientrano nell'atmosfera della Terra ogni anno”, ha detto Heiner Klinkrad, Capo dell'ESA Space Debris Office. “In 56 anni di volo spaziale, circa 15mila tonnellate di oggetti spaziali artificiali sono rientrati nell'atmosfera senza causare un solo infortunio umano fino ad oggi”.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Il satellite Goce sta per schiantarsi sulla Terra: ecco come seguirlo

- Goce: il satellite europeo che ad ottobre si schianterà sulla Terra

Cerca