Curiosity e i suoi primi passi su Marte

test drivre curiosity

Primo test drive per il rover Curiosity sul pianeta rosso. In carica dal 6 agosto e partito lo scorso novembre, il rover non perde tempo e ogni giorno ci regala immagini delle sue imprese. Dopo averci regalato, infatti, proprio nei giorni scorsi le immagini relative alla prima roccia marziana, in queste ore Curiosity si prepara alle sue "passeggiate" su Marte.

Proprio in queste ore, infatti, il rover ha iniziato a muovere le sei ruote di cui è provvisto per esplorare il cratere Gale. La ricerca di tracce di forme di vita passate o presenti sarà il suo obiettivo. Nel muovere i suoi primi passi, dunque, il robot è attento a passare in rassegna tutti gli strumenti di bordo e a raccogliere dati fondamentali per ricerca, finora orientata allo studio della meteorologia marziana e ad analizzare la composizione del suolo marziano. Lo strumento DAN (Dynamics Albedo of Neutrons) è, in particolare, lo strumento che si occuperà dell'analisi del suolo e che si basa su tecnologie comunemente utilizzate Sulla Terra ma, finora almeno, mai applicate su altro pianeta.

I dati che, per il momento sono stati inviati, ci parlano di variazioni di temperatura durante il giorno che vanno dai - 2 ai - 75 gradi. Mentre quella notturna si aggira attorno ai - 3 e i - 91 gradi. I dati vengono aggiornati di ora in ora e sono relativi alla temperatura del suolo, della pressione atmosferica e dei venti. Informazioni preziose acquisite grazie alla stazione meteorologica di Curiosity, denominata Rems (Rover Enviromental Monitoring Station).

Il progetto Mars Science Laboratory, lo ricordiamo, è stato realizzato dall'agenzia governativa americana Nasa.

Si attendono sviluppi, dunque.

Federica Vitale

Cerca