Curiosity: arrivano le prime immagini 3D e ad alta definizione

Curiosity immagini 3D

Curiosity è sul suolo di Marte e inizia a mandare sulla Terra immagini tridimensionali e ad alta risoluzione del Pianeta Rosso. La foto sono state scattate dalla sommità del rover, sul quale si trovano le telecamere di navigazione. Inquadrano in lontananza, ma ben visibile, il cratere Gale, nei pressi del quale è avvenuto l’atterraggio.

La topografia del bordo appare molto frastagliata a causa dell’erosione, mentre il territorio che si vede nel centro delle foto mostra scarpate e pianure. Il primo piano presenta due distinti solchi probabilmente scavati dai propulsori durante la discesa del rover.

Le riprese sono state effettuate in particolare con le Navcams, le fotocamere di Curiosity, puntando verso bordo del cratere: le prime, a più bassa risoluzione, hanno raccolto miniature con visione a 360 gradi dell’ambiente e le immagini della superficie di Marte accanto al rover. Un altro gruppo di immagini, scattate grazie alla Camera Context (Ctx) situata a bordo della Mars Reconnaissance Orbiter della Nasa, ha individuato le zone dove, nel momento dell’atterraggio, sei zavorre da 55 libbre (25 chili) di tungsteno hanno impattato ad alta velocità la superficie di Marte, a circa 7,5 miglia (12 chilometri) dal luogo effettivo dello sbarco.

Il rover è dotato di un’antenna ad alto guadagno, quindi con elevata capacità di concentrare il campo elettromagnetico nella direzione di interesse, in questo caso la Terra, verso la quale è stata correttamente puntata. Il supporto per il telerilevamento alto 3,6 piedi (1,1 metri) è stato sistemato, e il range di movimento testato con successo. Dati relativi alle radiazioni di superficie sono stati acquisiti dallo strumento Radiation (Rad), ma non ancora stati scaricati. Le temperature di lavoro di Curiosity sono risultate un po’ più alte del previsto, ma il team ritiene che questa differenza sia dovuta al cratere Gale, a sua volta più caldo di quanto calcolato.

La sofisticata strumentazione di Curiosity è dunque già a lavoro, e promette di rivelarci altre novità.

Roberta De Carolis

Cerca