Envisat: disperso da giorni il satellite dell'ESA

envisat1

Non dà più notizie dall'8 aprile. Il satellite Envisat dell'Esa risulta disperso da giorni. L'Agenzia spaziale europea ha già allertato la sua rete di stazioni di tracciamento, ma invano. Un team di specialisti è all'opera per cercare di ristabilire un contatto col satellite.

Secondo l'Esa, Envisat sta mantenendo la propria rotta ma risulta invisibile. Tutti gli sforzi per riprendere i contatti con il satellite, finora, si sono conclusi con un nulla di fatto. Lo ha confermato l'Esa in una nota. E si tratta di una grave perdita se si consudera che i suoi successori, i nuovi satelliti non saranno pronti prima del prossimo anno.

Si trattava del più complesso sistema di monitoraggio della Terra, con i suoi 10 strumenti, che in questi ultimi anni hanno fornito informazioni sulla stato degli oceani, dei ghiacciai e dell'atmosfera. Operativo dal 1° marzo 2002, Envisat aveva compiuto di recente i primi 10 anni di attività, superando di gran lunga la durata di 5 anni prevista inizialmente per la sua missione. In combinazione con i dati delle missioni ERS a partire dal 1991, Envisat ha fornito misurazioni precise sui cambiamenti climatici negli ultimi 20 anni. Più di 4000 progetti in oltre 70 paesi sono stati supportati con i suoi dati.

E intanto, il dispositivo andrà ad arricchire il gran numero di detriti spaziali che orbitano attorno al pianeta e per i quali non esiste ancora una valida soluzione.

Volker Liebig, Direttore ESA dei Programmi di Osservazione della Terra, ha commentato: "L'interruzione del servizio Envisat mostra che il lancio dei satelliti Sentinel del GMES, che dovranno sostituirlo, diventa urgente". Il silenzio di Envisat provoca un altro nodo allo stomaco", racconta a Nature Inez Fung, scienziato atmosferico presso la University of California, Berkeley.

La prima della nuova serie di missioni Sentinel per il monitoraggio globale europeo dell'ambiente e la sicurezza è prevista per il prossimo anno. Le Sentinels forniranno i dati necessari per i servizi di informazione per migliorare la gestione dell'ambiente, comprendere e mitigare gli effetti del cambiamento climatico e garantire la sicurezza civile. Ma a questo punto, l'addio a Envisat potrebbe far anticipare l'avvio della loro missione.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico