Atlantis: ieri l'ultima passeggiata spaziale degli Shuttle

spacewalk_atlantis

È iniziata ieri quando in Italia erano le 14.44 l'ultima passeggiata spaziale dell'era Shuttle. La navetta Atlantis, l'ultima del celebre programma spaziale NASA, arrivata con successo sulla stazione Spaziale Internazionale domenica scorsa, e gli astronauti stanno svolgendo le attività pianificate, coadiuvati dall'equipaggio già presente sulla Iss per la missione 28 dell'Esa.

Il modulo cargo di costruzione italiana Raffaello è stato agganciato lunedì alla stazione orbitale e le 10 persone a bordo ne scaricheranno il contenuto nei prossimi giorni. All'interno del modulo trasportato da Atlantis ci sono pezzi di ricambio, cibo e attrezzature varie, che permetteranno il proseguimento delle attività sulla ISS anche dopo la chiusura dell'era Shuttle.

Ma l'attività che nella giornata di ieri ha calamitato l'attenzione degli astronauti è la passeggiata spaziale, uno dei momenti più emozionanti di ogni missione in orbita e che, per quest'ultima occasione non era stata pianificata sin dall'inizio.

Gli astronauti "eletti" per l'EVA (Extra-Vehicolar Activity) hanno trascorso del tempo nella camera di compensazione U.S. Questa in piena depressurizzazione, mentre gli equipaggi di Atlantis e della Stazione Spaziale Internazionale si sono preparati alle mansioni interne di cooperazione all'ultima passeggiata nello spazio del programma Shuttle.

Il periodo di tempo trascorso nella camera di compensazione è un momento di preparazione molto importante prima di affrontare una spacewalk. Gli ingegneri Mike Fossum e Ron Garan, infatti, hanno dovuto respirare ossigeno puro per liberare i loro sistemi vascolari dalle bolle di azoto che possono provocare gravi danni a causa della decompressione, durante la missione nella tuta spaziale a bassa pressione. Il fenomeno è ben noto anche ai sub e può essere molto doloroso e a volte mortale.

I due astronauti hanno effettuato la fase di vestizione all'interno della camera di equilibrio, con l'assistenza del comandante di Atlantis, Chris Ferguson. Fase molto lunga che richiede una cura quasi maniacale. Dopodiché Fossum e Garan hanno potuto iniziare a muovere le loro braccia e gambe in quello che si chiama In-Suit Light Exercise Protocol (ISLE).

Inoltre, per la preparazione nella camera di compensazione, si è utilizzata una nuova procedura che evita agli astronauti di trascorrere un'intera notte nella camera prima di una passeggiata nello spazio. Tecnica usata per la prima volta sul volo finale dello Shuttle Endeavour a maggio.

Tra in compiti dei due spacewalkers quello di recuperare una pompa di ammoniaca guasta, che verrà riportata sulla Terra per gli studi del caso. Inoltre, la passeggiata spaziale aveva previsto anche l'installazione di un modulo sperimentale di rifornimento carburante sulla ISS. Il tutto in un periodo di tempo piuttosto lungo, di circa 6,5 ore.

La spacewalk è stata affidata a due astronauti già presenti sulla Iss. Come sappiamo, infatti, l'equipaggio di Atlantis conta solo quattro componenti e tutti hanno avuto davvero poco tempo per preparare una passeggiata spaziale.

Inoltre Mike Fossum e Ron Garan non sono nuovi a questo tipo di esperienza. Questa infatti è la settima passeggiata spaziale per Fossum e la quarta per Garan. E non è tutto. Entrambi hanno già effettuato ben tre spacewalks insieme nel giugno 2008, durante la missione STS- 124.

Federica Vitale

Leggi tutte le notizie sullo Space Shuttle Atlantis

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico