Fine del mondo: per il web sarà oggi?

virus dns

Il 9 luglio è il giorno del giudizio del web? Altro che profezia Maya sulla fine del mondo per il 21 dicembre 2012. Ribattezzato in America "doomsday", giorno del giudizio appunto, oggi molti computer, anche italiani, potrebbero correre il rischio di rimanere offline.

L'Fbi metterà fuori uso i server per reindirizzare il traffico degli utenti colpiti dal malware Dns Charger. Questo virus fu diffuso nel 2007 e portò all'arresto di sette persone. Dns Charger colpisce il traffico Internet attraverso i Dns, ossia il servizio che converte i nomi dei siti web in indirizzi. Il malware, quindi, interferisce con questo sistema, dirottando il traffico di ciascun utente verso siti illegali e manipolati per truffare i malcapitati.

La frode fu sgominata cinque anni fa. I colpevoli, due estoni e un russo, furono arrestati. L'Fbi tamponò il problema sostituendo i siti controllati. Gli ignari utenti colpiti dal virus furono in grado di continuare a navigare anche dopo il sequestro dei siti bloccati poiché il loro traffico fu reindirizzato sui server legali. Ciò fu possibile grazie a un contratto, l'Internt Systems Consortium, che tuttavia è in scadenza. Il 9 luglio, appunto.

In pratica i server verranno spenti e gli utenti affetti dal potente malware potrebbero rimanere senza connessione. Si dovrebbe quindi provvedere per tempo ad eliminare il virus dal pc. Per verificare lo stato del nostro pc, basta collegarsi al sito www.dcwg.org. Qui è possibile reperire una serie di strumenti per risolvere il problema, dal backup alla scansione multipla.

All'inizio di giugno erano ancora 300 mila i computer infetti. Molti anche in Italia, gli altri diffusi negli Stati Uniti, Germania, India, Gran Bretagna, Canada, Australia e Francia.

Federica Vitale

Cerca