Il testamento digitale targato Google

google morte

Che farne dei nostri dati digitali dopo il nostro passaggio a miglior vita. Dopo Facebook, anche Google ci invita a fare testamento digitale. Non sarà un problema nostro visto che non ci saremo più, ma forse sarebbe meglio non lasciare anche questo fardello a chi resterà ancora per qualche anno sulla Terra.

"Che cosa vuoi fare di foto, email e documenti quando smetti di utilizzare il tuo account?" chiede Google? Meglio deciderlo finché si è in tempo. Si può scegliere di condividere i dati con un amico o un familiare fidato oppure si può anche optare per l'eliminazione completa dell'account.

Sono molte le situazioni che potrebbero impedire agli utenti di accedere o di utilizzare il proprio account Google. "Qualunque sia il motivo, ti offriamo la possibilità di decidere cosa fare dei tuoi dati. Con Gestione account inattivo puoi decidere se e quando il tuo account deve essere trattato come inattivo, ciò che accade ai tuoi dati e chi viene informato" spiega Google.

Di certo, non piace a nessuno pensare alla morte ed in particolare alla propria, ma fare progetti per ciò che accade dopo la nostra dipartita è importante per le persone che ci lasciamo alle spalle. Quattro le opzioni messe a disposizione da Big G:

Periodo di timeout

Si può impostare un periodo di timeout dopo il quale l'account potrà essere classificato come non attivo. Il periodo di timeout inizia dall'ultimo accesso al proprio account Google.

Avvisami

Gestione account inattivo ci avviserà tramite email o SMS prima del termine del periodo di timeout.

Invia una notifica ai contatti e condividi i dati

inoltre possibile aggiungere i contatti fidati che devono essere informati del fatto che l'account Google non è più utilizzato.

Elimina l'account

A prescindere dalla morte, è possibile chiedere a Google di eliminare il proprio account.

Ci auguriamo che questa nuova funzione vi permetterà di pianificare la vostra vita dopo la morte digitale, in modo da proteggere la privacy e la sicurezza, e rendere la vita più facile per i vostri cari dopo che te ve siete andaticonclude il team di Google.

Sperando che accada il più lontano possibile.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- L'ora della morte è scritta nei geni

- La morte ai tempi dei social network

- L'isola dove ci si dimentica la morte

Cerca