Google Art Project si arricchisce di nuove opere e strumenti

googleartproject2

Art Project. La collezione di Google di opere d'arte sul web si arricchisce di nuovi pezzi. Da oggi il numero di dipinti, sculture e foto presenti nell'enorme archivio fornito dal colosso di Mountain View sono aumentate del 10% grazie al contributo di 29 organizzazioni che hanno fornito opere provenienti da 14 paesi.

Da quando è partito, lo scorso aprile, Google Art Project ha permesso a 15 milioni di persone di ammirare le opere d'arte di tutto il mondo, rendendole accessibili direttamente dal proprio pc. Una vasta gamma di istituzioni globali, grandi e piccole, noti e meno note, sono rappresentate nell'enorme galleria virtuale, dalle opere contemporanee dell'Istanbul Modern Art Museum, all'Art Gallery of South Australia che ha fornito il proprio contributo con circa 600 opere. Per l'Italia tra le novità appena introdotte è possibile trovare il Museo di Palazzo Vecchio. Seguono la Princeton University e diverse collezioni provenienti dal National Ballet of Canada, pre-Columbian art del Peru e di arti decorative dalla Cina.

Il database è stato arricchito al punto che il numero totale di pezzi online è più di 35.000. Ma anche Google Art Project è stato ampliato con nuove funzioni, per offrire modi diversi di visitare le collezioni.

Il primo è uno strumento didattico per gli studenti d'arte, per appassionati o semplicemente per i curiosi. È il pulsante Confronta, aggiunto alla barra degli strumenti a sinistra di ogni quadro. Esso consente di esaminare due pezzi di opere d'arte una accanto all'altra per vedere ad esempio come lo stile di un artista si è evoluto nel corso del tempo, o per collegare le tendenze delle varie culture o ancora per scavare in profondità in due parti di una stessa opera.

L'arte è sempre più a portata di clic.

Francesca Mancuso