Terremoto in Giappone: il robot Quince in azione

quince

In Giappone, ad un mese dal tremendo terremoto che ha sconvolto il paese del Sol Levante, la terra è tornata a tremare. Una nuova scossa tellurica pari a 7,1 gradi Richter ha colpito oggi la costa nord-orientale del paese. Dopo i 27 mila morti, si cerca di correre ai ripari cercando di ridurre i rischi connessi al nucleare.

Già da tempo, alcuni robot sono in azione per rilevare il livello delle radiazioni e raffreddare i reattori danneggiati dalla scossa. L'ultimo dispositivo realizzato per intervenire in quell'area è stato messo a punto da un consorzio nipponico di cui fanno parte l’Università di Tohoku, il Chiba Institute of Technology e l’agenzia governativa Nict.

Si chiama Quince ed ho dotato di cingoli indipendenti che lo rendono adatto a percorsi impervi. La sua scocca impermeabile è in grado di proteggerlo anche all’interno di un reattore allagato. È dotato inoltre di una vasta gamma di sensori, dal contatore Geiger allo scanner 3D, fino alla webcam rotante, isolata da una lamina di piombo che riduce i disturbi causati dalle radiazioni.

Il robot è manovrato a distanza da un computer da una distanza di un paio di chilometri. Inoltre, Quince possiede una batteria con un'autonomia massima da 2 a 6 ore, che gli consente di ispezionare un’area potenzialmente contaminata.

Francesca Mancuso

Cerca