Domotica, arriva Mint: l'aspirapolvere robot

mint_0

Stanchi dei soliti dolori alla schiena e alle gambe? Poco tempo per dedicarsi alle faccende di casa? Il problema sembra risolto. Dopo la comparsa sulle scene nel 2002 di Roomba, il primo aspirapolvere robotizzato, la domotica fa enormi passi avanti. È stato infatti presentato al Ces 2010 di Las Vegas Mint, il nuovo rivoluzionario pulitore di pavimenti firmato Evolution Robotics.

La prima evidente differenza è la forma dell’apparecchio: mentre Roomba era di forma rotonda, Mint assume una forma semi-rettangolare. Ma le più rilevanti distinzioni sono altre.

I movimenti di Mint sono guidati da un sensore esterno collocato in un punto qualsiasi della stanza da pulire. Il robot ed il sensore riescono autonomamente a costruire una mappa della zona per quindi memorizzare il luogo nel quale svolgere il loro lavoro. Mint è stato infatti progettato con una maggiore consapevolezza spaziale rispetto ai vecchi pulitori automatici.

Il nuovo apparecchio, inoltre, è in grado di portare a termine la pulizia in modo efficiente, grazie ai suoi movimenti a zig-zag. Si ferma solamente quando ha finito di svolgere i suoi compiti e grazie all’intelligenza artificiale dei suoi sensori riesce a capire dove è già passato in modo tale da non sprecare tempo.

Altre caratteristiche del robot sono la capacità di pulire sia i pavimenti asciutti sia quelli bagnati, l’abilità nel saper arrivare agli angoli e aggirare gli ostacoli, ma soprattutto l’agilità grazie alla quale non perde l'equilibrio tanto facilmente.

Nonostante il costo sia piuttosto elevato, 250 dollari pari a circa 173 euro, l’utilità di Mint è davvero stupefacente.

Marta Proietti

Cerca