Google brevetta le lenti a contatto intelligenti

Google lenti 3D

Lenti a contatto 3D, dotate di telecamera: questo il nuovo brevetto di Google, il quale propone un dispositivo che, oltre a correggere i difetti della vista, diventa uno strumento di visualizzazione in tre dimensioni. Come le lenti a contatto per diabetici che misurano il glucosio dalle lacrime, anche quest’ultimo prodotto brevettato da Mountain View si propone come possibile strumento medico.

Queste speciali lenti a contatto sarebbero infatti in grado di scattare in qualsiasi momento foto senza necessità di utilizzare le mani, mentre i sensori integrati sulla superficie coglierebbero luci, volti, colori, movimenti, nonchè oggetti di varie dimensioni. Le persone non vedenti potrebbero quindi sfruttarle per muoversi liberamente ovunque perché avrebbero continui avvisi sulla propria posizione e su quello che li circonda.

Chiaramente, come nel caso dei Google Glass, si fa avanti un problema di privacy. Le foto e le eventuali riprese effettuate dalle lenti potrebbero essere effettuate senza che i soggetti interessati ne siano minimamente al corrente, a meno che l’utente non li avvisi esplicitamente. Quindi, proprio come gli occhiali hi-tech, il tutto sarebbe lasciato alla buona educazione di chi li usa.

Google lenti 3D 1

Il brevetto per ora sembra solo un’idea di progetto, ancora da realizzare, ma le speranze di possibili applicazioni mediche appaiono concrete, sebbene non sia possibile prevederne attualmente le tempistiche. Stando alla descrizione del patent, la commercializzazione del prodotto appare lontana: infatti nel testo non appare alcun riferimento pratico delle tecnologie discusse.

Roberta De Carolis

Foto: CNET

LEGGI anche:

- Google: le lenti a contatto che misurano il glucosio dalle lacrime

- I Google Glass e la privacy: il Garante chiede risposte

- Google Glass: i 10 miti da sfatare

Cerca