Apple iWatch: orologio e smartphone due in uno

iwatch apple

Era previsto per il 2013 e sembra ormai veramente in arrivo: è l’iWatch, l’orologio intelligente di Apple, un vero e proprio pc da polso, dotato di funzionalità tipiche di smartphone e tablet. Secondo le indiscrezioni rivelate da fonti vicine all’azienda, un prototipo del dispositivo, realizzato in vetro curvato adattabile alle forme del corpo umano, sarebbe in fase di sperimentazione nella sede centrale di Apple, in California.

La ricostruzione dei fatti partirebbe dall’annuncio dello scorso anno della Corning, società produttrice del vetro ultra-resistente Gorilla Glass che viene utilizzato anche per gli iPhone, secondo cui sarebbe stata risolta la difficile sfida ingegneristica di creare vetro pieghevole, chiamato Willow.

Più recentemente Pete Bocko, il Chief Technology Officer per la Corning Glass Technologies, che ha lavorato su vetro Willow, avrebbe dichiarato come la società stesse sviluppando il vetro flessibile da più di un decennio, e come la tecnologia sarebbe finalmente arrivata. "Si può di certo avvolgerlo intorno a un oggetto cilindrico che potrebbe essere al polso di qualcuno –queste le sue parole- In questo momento, se avessi cercato di fare qualcosa che sembrava un orologio, so che potrebbe essere fatto con questo vetro flessibile".

D’altronde è noto anche che la Apple ha depositato un altro brevetto sui vetri flessibili, e alcune voci sospettano potrebbe interessare le prossime generazioni di iPhone e iPad, e, a questo punto, anche l’iWatch.

Secondo la fonte anche gli investitori sono sicuri dell’imminente arrivo del dispositivo, mostrandosi molto interessati alla tecnologia. "Crediamo che la tecnologia potrebbe evolvere al punto in cui i consumatori avranno tablet e computer indossabili, come orologi o occhiali (il riferimento sembra proprio a Google Glass, N.d.R.) […] – ha infatti spiegato Gene Munster, analista di Piper Jaffray- Questi dispositivi potrebbero essere più economici di un iPhone e potrebbero costituire la migliore risposta di Apple per affrontare i mercati emergenti”.

Apple non ha voluto comunque commentare queste voci. Pertanto molte domande restano tuttora senza risposta, come l’eventuale presenza di Siri l’assistente vocale, mappe di Apple, funzionalità ricezione messaggi di testo, possibilità di pagamento online e naturalmente prezzo e data effettiva di arrivo sul mercato.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- Apple: ecco le possibili novita' in serbo per il 2013

- Ecco i nuovi prodotti Acer: dal dual touch al next generation

Cerca