Apple: venduto su eBay con doppio dock?

apple logo colori

La guerra tra Apple e Samsung è aperta: e, dopo l’arrivo del Galaxy III S, l’azienda statunitense annuncia il prossimo ingresso nel mondo della televisione, quella vera. Lo ha detto Tim Cook in persona, Ceo di Apple e successore di Steve Jobs, durante un’intervista rilasciata a Kara Swisher e Walt Mossberg nell’ambito del D10, la decima conferenza indetta dal Wall Street Journal su prodotti e innovazioni provenienti dal mondo del digitale.

“Siamo nel business della Tv –sottolinea infatti Cook- E continueremo ad occuparcene”. Quella che comunemente viene chiamata Apple Tv già esiste in realtà, ma è attualmente una sorta di decoder che si può connettere al proprio televisore per visualizzare contenuti a pagamento, come film e video, con una meccanismo analogo a quello di iTunes.

Alla domanda se Apple vuole lanciare una propria televisione, il Ceo glissa abilmente, ma lascia intendere che il prossimo prodotto potrebbe essere una Tv vera e propria: il vero boom del mondo dello streaming quindi. Pertanto, dopo annunci e successive smentite, ora sembra proprio che sia tutto vero. Se questo arrivi proprio in coincidenza con l’arrivo di Galaxy III S è anch’esso un valido sospetto, anche perché durante la stessa intervista, Cook, riferendosi ai prodotti iPhone, sostiene deciso: “Ritengo che noi abbiamo il miglior telefono.

Cook ha parlato anche dell’iPad, dicendo che la Apple non avrebbe inventato il mercato dei tablet ma il tablet moderno. Infine, non risponde alle domande sull’iPad mini (dispositivo con schermo da 7 pollici), chiudendo con un secco: “Lei dovrebbe venire ad uno dei nostri prossimi meetings”.

E riguardo al tablet, è notizia di qualche ora fa la vendita su eBay per 10 mila e duecento dollari di un presunto prototipo di iPad originale di prima generazione, ma con due connettori dock, cosa che confermerebbe le indiscrezioni secondo le quali Apple aveva cercato di lanciare in passato un dispositivo con due parti disponibili alla carica e alla sincronizzazione. Il pezzo è stato comunque venduto senza garanzia e dichiarato “da collezionismo”.

Che ci siano in futuro novità anche su questo? Non ci resta che stare attenti.

Roberta De Carolis

Cerca