L'abito da sposa? È fatto di Lego

sposa lego

Non c'è limite alla creatività quando si tratta di Lego. Dopo aver appurato come i mitici blocchi colorati possano essere utilizzati anche per creare protesi o adoperati in esperimenti o progetti targati Nasa, oggi, chi è in procinto di sposarsi, dovrebbe sapere che è possibile confezionare anche abiti da sposa grazie ai mattoncini colorati.

Abiti di alta moda, oseremmo dire, creati dall'artista Rie Hosokai. In particolare, questa creazione da cerimonia è stata progettata interamente con i Lego per il Piece of Peace di Tokyo, una recente mostra di beneficenza a sostegno dell'UNESCO, il cui tema era proprio la costruzione di oggetti solo mediante i mattoni giocattolo.

Rie, l'ingegnoso artista, è noto nell'ambiente anche per un altro abito molto inconsueto, il Daisy Balloon, interamente ricavato intrecciando palloncini. In collaborazione con il graphic designer Takashi Kawada, Rie ha ideato alcuni abiti incredibilmente elaborati, cappelli e altri accessori mediante i palloncini, molti dei quali sono stati esposti in numerosi musei e gallerie di tutto il mondo.

Daisy Ballon

Anche se un po' meno pratico dei consueti abiti da sposa, come opera d'arte d'avanguardia, l'abito da sposa Lego è davvero straordinario. Lo stesso artista spiega che il suo pensiero, nel creare queste incantevoli opere d'arte, parte dal presupposto che tutti sono diversi l'uno dall'altro. Sarebbe la propria autocoscienza a dare immagine di sé. “Per questo motivo, le persone ora cercano di ricostruire la loro coscienza estendendola agli altri. Attraverso questo processo, abbiamo imparato a svelare le cose nei loro elementi essenziali. Stiamo riuscendo a scavare una nuova conoscenza di quel che noi tutti condividiamo”.

Quando l'abito (non) fa il monaco, insomma.

Federica Vitale

Leggi anche:

- 20 mila Lego sotto i mari

- Lego: i mattoncini stampati in 3D a casa

- Le band musicali più famose del mondo formato LEGO: le immagini di Ramly

Cerca