Nanomateriali: in futuro i computer autoconfiguranti

computer_futuro

Il computer del futuro? Avrà i circuiti in grado di autoconfigurarsi, cambiando le proprie funzioni in base alle contingenze. Ancora una volta i nanomateriali sono i protagonisti della tecnologia del futuro. Realizzata ad opera di un gruppo di scienziati della Northwestern University, questa nuova tipologia di nanomateriale è in grado di direzionare i flussi di corrente elettrica.

Questa sorta di autocablaggio interno che potrebbe essere applicato ai pc è legato alle dimensioni sempre più piccole dei circuiti. Per le dimensioni, i materiali con cui sono costruiti cominciano a perdere le loro proprietà e possono essere controllati da fenomeni di meccanica quantistica.

Qualcosa del genere è stato fatto dal team della Northwestern University, che ha, di fatto, inventato un materiale che può autonomamente riorganizzarsi per soddisfare le diverse esigenze di calcolo in tempi diversi.

"La nostra tecnologia permette l'uso del flusso di corrente continua attraverso un pezzo di materiale" ha spiegato Bartosz Grzybowski, a a capo della ricerca. “È un po' come reindirizzare un fiume, allo stesso modo i flussi di elettroni possono essere governati in più direzioni attraverso un blocco di materiale. Addirittura più flussi possono scorrere in direzioni opposte allo stesso tempo".

Ha lasciato il suo commento anche David A. Walker, altro autore dello studio nonché dottorando nel gruppo di ricerca di Grzybowski."Oltre alla qualità tridimensionale dei ponti tra le tecnologie esistenti, la reversibilità di questo nuovo materiale potrebbe consentire a un computer il reindirizzamento e l'adattamento del proprio circuito in base a quanto richiesto in un determinato momento nel tempo”.

Gli esiti della scoperta sono stati resi noti su Nature Nanotechnology.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico