Air Umbrella: quando l'ombrello ripara con l'aria

air umbrella

È cinese il progetto di un ombrello dal nuovo design. E nuovo anche nel concept. Non più manici di acciaio o deboli asticelle poco resistenti ai venti forti. Il nuovo ombrello Made in China è provvisto di un vero e proprio getto di aria appositamente pensato per mantenere asciutto chi cerca riparo. Dimentichiamo il classico ombrello in tessuto dalla forma a cupola.

L'idea di utilizzare il flusso d'aria per proteggere le persone dalla pioggia battente era già stata esplorata prima. Una coppia di designer aveva sviluppato un concept simile nel 2010, sebbene questa versione non fu mai immessa sul mercato.

Air Umbrella, questo è il nome dello strano aggeggio, utilizza una batteria al litio per alimentare sia un motore che un ventilatore. In pratica, il getto d'aria fluisce verso la punta fino a formare uno strato protettivo. In caso di piogge abbondanti, l'ombrello è in grado di offrire riparo a due persone; al contrario, quando la pioggia non è troppo invadente, può ospitarne anche di più. Tecnicamente, "l'ombrello del futuro" sfrutta il proprio manico come motore che aspira l'aria e, respingendola in modo potente, è in grado di deviare la pioggia, mantenendo asciutto chi vi è al riparo.

In lavorazione ben tre modelli. Le prime richieste dovranno soddisfare i gusti femminili, i cui prototipi dovrebbero misurare 30 cm di lunghezza e pesare 500 grammi, con una durata della batteria di 15 minuti. Il secondo modello avrà una lunghezza di 50 cm, peserà 800 grammi e avrà un'autonomia di 30 minuti. Infine, la terza versione sarà estensibile, con dimensioni che andranno dai 50 cm agli 80 cm, un peso di 850 grammi ed una durata della batteria di 30 minuti. Ovviamente, sono durate di carica della batteria solo indicative e non è detto che siano sufficienti per far ritorno a casa sani e asciutti.

Il team al lavoro per la messa in opera di tale ombrello del futuro sta cercando di raccogliere 10 mila dollari su Kickstarter. Fino ad ora sono stati raccolti 12 mila dollari in soli 10 giorni. Mentre le consegne sono in programma per il prossimo dicembre 2015, almeno se tutto va secondo i piani.

Federica Vitale

Leggi anche: Le 10 invenzioni sconosciute che potrebbero cambiarci la vita

Cerca