Elettronica: la penna che crea i circuiti mentre le disegna

inchiostro

Disegnare circuiti elettrici e interconnessoni su carta. Basta una penna a sfera, ma non una qualsiasi. A realizzarla sono stati i ricercatori della University of Illinois, che, come si legge sul sito della facoltà, hanno inventato un nuovo tipo di inchiostro fatto di metallo che rimane allo stato liquido all'interno una penna, ma si asciuga dopo essere stato applicato alla carta, al legno o a qualunque altra superficie.

Provate ad immaginare. Basterà disegnare una linea e attendere che il tratto si asciughi per avere un filo d'argento in grado di condurre l'elettricità. Per fare le prime prove i ricercatori hanno costruito un display a LED con le iniziali della loro scuola, UIUC, e hanno realizzato il disegno nella figura sotto, che raffigura una casa circondata dagli alberi, il celebre dipinto "Han-Sae-Do" di Jung Hee Kim. In quest'ultimo caso, l'inchiostro serve da cablaggio per il LED montato sul tetto della casa.

casa

Guidato da Jennifer Lewis, Hans Thurnauer professore di scienza dei materiali e ingegneria presso l'University of Illinois e da Jennifer Bernhard, professore di ingegneria elettrica e informatica, il team ha messo a punto il liquido che consente tutto ciò. Si tratta di una sostanza costituita per gran parte da nanoparticelle d'argento che sono state ridotte utilizzando acido, e poi modificate con la cellulosa in modo tale da conferire al liquido una viscosità più simile a quella del comune inchiostro.

Non è la prima volta che i cosiddetti "inchiostri metallici" vengono usati negli approcci con le stampanti a getto d'inchiostro per fabbricare dispositivi elettronici, ad esempio con le stampanti 3D, ma grazie alla penna sarà possibile avere una diversa fruizione e facilità d'uso. "La penna permette di costruire dispositivi elettronici 'on-the-fly'", ha detto Lewis, il direttore del Laboratorio di Ricerca. "Si tratta di un passo importante verso la produzione personale utilizzando strumenti di stampa onnipresenti e a basso costo".

"Il vantaggio principale della penna è che le stampanti costose e le testine di stampa di solito necessarie per elaborare strategie di stampa a getto d'inchiostro vengono sostituite con un altro dispositivo poco costoso, più agevole, che utilizza la scrittura a mano" ha sottolineato Lewis.

Grazie alla facilità d'uso della penna sarà possibile creare percorsi conduttivi freestyle, offrendo sempre nuove possibilità all'arte e all'elettronica usa e getta.

Il lavoro è stato pubblicato sulla Advanced Materials.

Francesca Mancuso

Cerca