Apple: l'app che blocca l'uso del telefono alla guida

apple sicurezza volante

Apple è, come sempre, sull'onda dell'innovazione. E, oggi, si propone in un nuovo settore: quello dei sensori e dei dispositivi intelligenti. Recentemente, infatti, il gigante tecnologico ha depositato la domanda per il brevetto di un sistema che prevede l'introduzione di sensori di velocità nelle auto. Queste si bloccheranno qualora i conducenti stiano inviando messaggi dai propri telefoni cellulari mentre sono al volante. In altre parole, il dispositivo dovrebbe essere in grado di non permettere ai chi guida di poter accedere al servizio di messaggistica dell'iPhone.

Il documento depositato da Apple suggerisce, dunque, come la società stia cercando di sviluppare i meccanismi di blocco che disabilitano i telefoni cellulari dalla possibilità di svolgere determinate funzioni, come l'invio di SMS, appunto, durante la guida. Viste le difficoltà della polizia nel sorprendere in flagrante i conducenti, un dispositivo del genere potrebbe rivelarsi davvero interessante. Soprattutto considerando alcuni dati, secondo i quali l'invio di sms in auto aumenta il rischio di incidenti di ben 23 volte e rallenta notevolmente la reazione del conducente.

Il brevetto prevede l'utilizzo di sensori sugli smartphone, abbastanza sensibili da capire se una persona si trova al posto di guida o seduto in un altro posto del veicolo, permettendogli quindi di scrivere un messaggio di testo in condizioni di sicurezza. "Il dispositivo comprende un analizzatore di movimento e uno del paesaggio e un meccanismo di blocco. L'analizzatore di movimento è in grado di rilevare se il dispositivo di elaborazione portatile è in movimento al di là di un livello di soglia prestabilito. Mentre l'analizzatore ambientale può determinare se l'utente del dispositivo palmare si trova all'interno di un'area sicura del veicolo; infine, il meccanismo di blocco può disabilitare una o più funzioni del dispositivo di elaborazione palmare, basate sulla produzione dell'analizzatore di movimento, e consentire una o più funzioni a seconda di quel che emerge dall'analizzatore ambientale", si legge nel brevetto. Una nuova tecnologia, dunque, che potrebbe effettivamente bloccare la macchina in movimento.

La domanda del brevetto fu depositata nel 2008, ma è stata pubblicata solo da poco. Per quanto concerne il dispositivo, invece, dopo essere stato brevettato, dovrebbe essere in grado di funzionare anche su auto sulle quali non sia stato installato l'hardware Apple. Paul Watters, responsabile della politica di automobilismo per AA, dichiara che “Apple potrebbe avere il potere di cambiare la cultura dell'SMS e della guida, se funziona ed è intuitivo. Questo sarebbe un ottimo passo”.

Il dispositivo potrebbe andare incontro al favore di molti e, in particolare, dei genitori. La grande domanda è se e come gli applemaniaci e i fans dell'iPhone accoglieranno tale funzione. Le possibilità, dopotutto, sono due: o il celebre smartphone con la mela potrebbe veder cadere inesorabilmente il numero di acquisti o, al contrario, essere scelto tra l'infinita varietà di strumenti tecnologici proprio per questa sua inedita funzione di sicurezza.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Tecnologia indossabile: Apple ci prova coi vestiti?

- Apple e Ferrari: le auto del futuro funzioneranno con l'iPhone

Cerca