VIIRS: dalla Terra al fondo degli oceani con un’app

terra

Google Earth ci ha permesso di osservare il mondo in un modo nuovo e di esplorare i paesaggi del nostro pianeta stando comodamente seduti alla scrivania. Ma l'applicazione gratuita VIIRS, che offre funzionalità simili a Google Earth, con in più dati provenienti direttamente dai satelliti meteorologici molto avanzati, rappresenta sicuramente un salto in avanti, consentendo di dare un'occhiata ai processi dinamici attraverso i quali la Terra viene plasmata.

Dagli incendi nelle foreste, al minuscolo fitoplancton nelle acque dei mari, i satelliti meteorologici contribuiscono a fornire un quadro completo sullo stato della Terra.

L'applicazione fornisce immagini in una miriade di combinazioni diverse, da quelle alla luce del sole a quelle con la scarsa visibilità notturna, fino a rendere visibile la concentrazione di clorofilla nell'oceano. Servendosi dell'applicazione è possibile perlustrare le aree antartiche o avvicinarsi alle flotte pescherecce allineate nella notte lungo le coste del Giappone.

Fino ad ora questi dati sono stati accessibili soltanto ai meteorologi e climatologi che li usano quotidianamente per effettuare le previsioni del tempo e monitorare le condizioni ambientali della Terra.

Tutti i dati vengono generati dal Radiometro per immagini visibili ad infrarossi (VIIRS è l'acronimo in lingua inglese) che viaggia a bordo del veicolo spaziale Suomi National Polar-orbiting Partnership (NPP) il quale orbita intorno alla Terra approssimativamente 14 volte ogni giorno, coprendo virtualmente l'intera supericie del pianeta in ogni periodo di 24 ore.

Gli utilizzatori possono cambiare i livelli di ogni paramentro spostando le barre collocate al di sotto di sottili sfere nella parte inferiore dello schermo. È possibile inoltre effettuare uno zoom atraverso un semplice click oppure ottenere maggiori informazioni premendo il tasto "i".

Tra la massa delle terre emerse e degli oceani la formazione che si distingue più chiaramente è quella costituita dalla copertura nuvolosa, che può aiutare a comprendere il percorso e l'intensità delle tempeste.

radiometer

A partire dal lancio di Suomi NPP, avvenuto nel 2011, gli studiosi se ne sono serviti più e più volte, per giungere a previsioni del tempo sempre più accurate e dettagliate anche negli orari.

La sfera centrale regola i livelli della concentrazione di clorofilla che offre un'indicazione sul fitoplancton presente negli oceani, nei mari, nei laghi e nei fiumi. Il fitoplancton è costituito da alghe monocellulari e da altri organismi simili che, proprio come le piante presenti sulla terra, utilizzano la luce del sole per effettuare la fotosintesi.

Sensori spaziali accuratamente regolati come quelli di VIIRS sono in grado di ritrovare la clorofilla nell'acqua, proprio grazie al modo unico che essa ha di riflettere ed assorbire la luce del sole. Effettuando una mappatura della quantità e della localizzazione del fitoplancton gli scienziati sono in grado di avere davanti una panoramica significativa nell'evoluzione ciclica dell'ambiente dell'oceano.

L'applicazione VIIRS è attualmente disponibile per utenti di MAC e PC. Non tarderà a venire presentata anche una versione per smartphone.

Francesca Di Giorgio

Foto: dailymail.co.uk

LEGGI anche:

- La Terra vista in HD

- Blue Marble 2012: la Terra vista in HD

- Earth at night: la Terra notturna in HD

Cerca