Google Glass per Twitter: il mistero dell'app

Google Glass app

Google Glass sposa Twitter: sembra infatti che gli occhiali intelligenti di Google potranno lanciare tweet in tempo reale, grazie ad un'applicazione in queste settimane sotto test di prova. Nessuna conferma ufficiale, ma molti indizi portano a ritenere l'indiscrezione credibile.

La notizia è iniziata a circolare quando lo sviluppatore del microblog Shiv Ramamurthi ha twittato il messaggio "just shared a photo #throughglass", al fianco di una foto di un albero di limoni, poche ore dopo il quale anche Sophia Yang, ingegnere di Google impegnata proprio sui Google Glass, ha condiviso la foto di un ufficio affiancata dalla stessa frase di Shiv nel suo profilo Twitter. Ma entrambi i messaggi sono stati prontamente cancellati uno dopo l'altro.

Google Glass app 1

Nel profilo della Yang il tweet non esiste più e, come si può notare da quest'altro che riportiamo come esempio, ogni riferimento ai messaggi sulla presunta foto sono stati cancellati. Cliccando infatti sul link di riferimento appare il messaggio di errore "Spiacenti, questa pagina non esiste". Troppa fretta nella rimozione per non pensare che i cinguettii fossero, appunto, solo un test per un'app ancora in corso di sviluppo.

Altri sospetti sono indotti da alcuni messaggi scambiati tra il fondatore di LeWeb Loic Le Meur e Daniel Terdiman, di Cnet. Dopo un'iniziale conferma sull'utilizzo dell'app ufficiale, arriva però la pronta smentita da un altro giornalista dello stesso portale.

L'indiscrezione però sembra ormai essere considerata vera dalla rete, che attende l'annuncio ufficiale. Intanto il New York Times ha lanciato la sua app ufficiale, la prima di terze parti resa disponibile per gli smart glass di Google, che quindi, ormai, sembrano una realtà molto vicina.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- Google Glass, ecco come funziona il software: il video

- Google Glass: assemblati in California per combattere la crisi

- Tanti auguri Twitter: 7 anni e la quotazione in borsa più vicina

Image credits: The Verge

Cerca