Easy Grave: per trovare la tomba ci pensa un'app

easy grave

Trovare il caro estino al cimitero, a volte un'impresa quasi impossibile. Tra vicoli e percorsi tortuosi talvolta non è semplice localizzare una tomba. Ma grazie ad Easy Grave, una nuova app, realizzata da Filiano Di Maria, seguito dal prof. Giovanni Capobianco dell'Università degli Studi del Molise, sarà meno difficile.

I due ricercatori infatti hanno messo a punto un software che cerca il tragitto migliore fra l'ingresso del cimitero e una tomba o una cappella. L'idea nacquae al termine del corso di calcolo numerico da parte di un gruppo di studenti che dovevano implementare una tesina per la parte pratica dell'esame. Il progetto iniziale però fu più portato avanti, fino a quando Di Maria lo ha usato come spunto per la sua tesi di laurea di informatica.

Come funziona? Basta inserire gli estremi del defunto per vedere sul proprio smartphone, tablet o altro dispositivo la mappa del cimitero con tanto di percorso da seguire tra l'ingresso e la tomba, sepoltura o cappella. Il software è anche in grado di riconoscere eventuali omonimie e in quel caso lo segnala chiedendo ulteriori informazioni per individuare correttamente il defunto.

Ma non solo. Easy Grave può utilizzare anche le mappe satellitari di Google Earth e le fotografie aeree della zona, cui possono essere applicate tecniche di georeferenziazione.

In questo modo all'immagine e ai luoghi vengono associate ulteriori informazioni relative alla loro posizione geografica.

Finora la sperimentazione è stata effettuata sul Cimitero comunale di Venafro, in provincia di Isernia, acquisendo in JPG la mappa del cimitero, e sovrapponendola tramite georeferenziazione ad una mappa satellitare, successivamente trasformata in un grafo sul quale poi lavora l'algoritmo.

Anche la morte è al passo con le tecnologie.

Francesca Mancuso

Cerca