'Parto per Marte', ma se la moglie chiede il divorzio?

Lo scorso mese Ken Sullivan ha presentato la sua domanda per un viaggio di sola andata su Marte. Vuole essere uno dei colonizzatori che salperà grazie al progetto d Mars One, l'organizzazione con sede nei Paesi Bassi che sta cercando di stabilire la prima colonia umana sul pianeta rosso entro il 2025.

La buona notizia è che la sua richiesta è stata accettata. Insomma, ha superato il primo step. Bene: ma i rapporti familiari? Viaggiamo per scoprire un nuovo mondo o per dimenticare il nostro? La moglie ha già cominciato a parlare di divorzio, mentre il figlio più grande (dei 4) non sembra proprio entusiasta che il padre voglia fare il marsonauta.

È molto probabile che il problema riguarderà anche gli altri candidati, provenienti da 140 paesi diversi. La strada in ogni caso è ancora lunga. Entro il 2015 verranno selezionati da sei a dieci gruppi, ognuno composto da quattro persone, che intraprenderanno una formazione lunga sette anni.

Alla fine, solo uno di questi gruppi, e quindi solo quattro persone, affronteranno un viaggio nello spazio della durata di sette mesi e “diventeranno le prime persone ad atterrare su Marte, dove vivranno il resto della loro vita”, come si legge sul sito del progetto.

Forse è solo il segno dei tempi: se cambiare casa è diventato demodé, andiamocene su Marte. Magari a scoprire qualche alieno o, in genere, nuovo forme di vita intelligente. Del resto, l’ipotesi è stata recentemente avallata dalla scoperta del robot-laboratorio Curiosity della Nasa.

Nessuno fino ad oggi ha fornito prove dirette dell'esistenza di forme di vita marziana, ma per la prima volta su Marte sono stati individuati tutti gli elementi necessari all'esistenza di batteri molto semplici come quelli chemiolitoautotrofi, capaci di trarre energia dai minerali.

Sono imprigionati nelle rocce sedimentarie della zona del cratere Gale chiamata Yellowknife Bay e raccontano la storia di un lago esistito molto a lungo (per decine di migliaia di anni, o forse per centinaia di migliaiai), con acque fresche che avevano un grado di acidità relativamente neutro e una bassa salinità.

Intanto, Sullivan dovrà decidere se tenersi vicino la sua famiglia o realizzare il sogno di una vita. A consolarlo è il fatto che non è l’unico a voler sbarcare su Marte, anzi.

Capablanca

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Curiosity: Marte in passato ha ospitato la vita

- Curiosity: il primo anno su Marte. Il video

- Vita su Marte: il metano non è una prova certa

Cerca