Dimmi come guardi e ti dirò se sei gay

occhi gay

Uno sguardo alla pupilla e ti dirò se sei gay. È quello che devono aver pensato i 300 volontari che hanno accettato di sottoporsi ad un esperimento che si prefiggeva di capire, grazie allo sguardo appunto, l'orientamento sessuale delle persone.

Abbiamo voluto trovare una misura alternativa che indicasse in maniera automatica l’orientamento sessuale, ma senza essere invasiva come le misure precedenti. Le risposte pupillari fanno esattamente questo”, spiega in un comunicato il dottor Gerulf Rieger. “Con questa nuova tecnologia siamo in grado di esplorare l’orientamento sessuale delle persone che non avrebbero mai partecipato a uno studio sull’eccitazione genitale, come le persone provenienti da culture tradizionali. Questo ci permetterà di capire molto meglio come la sessualità si esprime in tutto il pianeta”.

Lo studio è stato condotto dalla School of Medecine della McMaster University, negli Stati Uniti. Il curioso risultato cui gli studiosi sono giunti è che le pupille delle persone si dilatano quando vedono qualcuno che li attrae. I volontari sui quali è stato effettuato l'esperimento erano sia maschi (165) che femmine (160), sia eterosessuali che omosessuali. L'esperimento è consistito nell'esporli alla visione di un breve video, di circa 30 secondi, con scene di persone che si masturbavano. “Alcune persone non vogliono essere coinvolte nella ricerca che coinvolge i loro genitali”, ha riferito Ritch Savin-Williams, uno psicologo dell’età evolutiva presso la Cornell University. Un rischio, questo, che porta i soggetti a sopprimere la loro eccitazione sessuale o a non fornire risposte genitali in laboratorio. Ecco il motivo per cui si è ricorso all'analisi della pupilla.

A quel punto, si è proceduto all'analisi della dilatazione della pupilla dei volontari. Gli scienziati hanno così potuto constatare come questa si dilatasse quando i soggetti vedevano immagini di persone secondo loro attraenti. Quando la dilatazione corrispondeva all'orientamento sessuale, questo discorso non si poteva fare per le donne eterosessuali. Queste, infatti, rivelavano un'attrazione anche nei confronti di altre donne. Cosa che non accadeva per gli uomini eterosessuali davanti ad immagini di donne. Tuttavia, ciò non significa che ogni donna eterosessuale sia segretamente bisessuale. La loro eccitazione, però, non corrisponderebbe necessariamente all'eccitazione del proprio corpo.

Sempre attraverso l'osservazione della dilatazione della pupilla, è emerso che la bisessualità esiste. Sono stati numerosi i casi in cui, sia uomini che donne, si provava attrazione sia nei confronti di persone dello stesso sesso sia da persone del sesso opposto. “Così, se un uomo dice di essere etero, i suoi occhi si dilatano verso le donne. Al contrario, negli uomini gay, i loro occhi si dilatano verso gli uomini”, conclude Savin-Williams.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica PlosOne, sembra essere la prova che, una volta di più, confermerebbe il fatto che gli occhi siano proprio lo specchio di quello che siamo.

Federica Vitale

Titolo:

Cerca