UFO, Borghezio propone un osservatorio europeo. "Sugli avvistamenti azioni di copertura dei governi"

immagine

Gli UFO sbarcano al Parlamento Europeo. Mario Borghezio, insieme al professor Massimo Teodorani, esperto di ufologia, ha tenuto una conferenza stampa su un tema particolarmente caldo: la declassificazione dei documenti relativi agli Oggetti Volanti Non Identificati.

Da qualche anno, Borghezio si sta interessando a questo tema, dopo una lunga fase della sua vita pervasa dal più completo scetticismo. E adesso, grazie alla posizione che ricopre cercherà di saperne di più. L'onorevole, infatti, è sempre più convinto che i governi abbiano effettuato “un'azione di copertura”.

Da qui allora la proposta di far approvare in Parlamento Europeo un osservatorio congiunto in tema di UFO”. Ma vediamo in cosa consiste l'idea di Borghezio:

- l'istituzione di un Osservatorio scientifico per l'analisi e la divulgazione dei dati scientifici sinora raccolti dai vari enti e governi europei;

- l'apertura degli archivi pubblici sugli UFO e la desecretazione da parte degli Stati membri, per consentire ai cittadini e ai mass media la pubblica fruizione di tutti i documenti;

- un impegno coordinato tra i vari stati, ma anche maggiore comunicazione e trasparenza nei confronti dei cittadini.

Ed ecco le parole del leghista intervistato dal Corriere della Sera: "Hanno già aderito tanti rappresentanti dei Paesi dell'Est. Gli italiani? Dieci hanno già dato il loro consenso. Dobbiamo arrivare a 300 firme, abbiamo tempo fino ad ottobre: sono abbastanza ottimista, penso che raggiungeremo l'obiettivo. Perché tanti Paesi dell'Est? Perché anche gli UFO, soprattutto gli UFO, erano materia coperta dal segreto di Stato ai tempi della 'cortina di ferro': la caduta del comunismo, probabilmente, ha favorito un grande desiderio di accedere a certi dossier”.

Secondo Borghezio, inoltre, gli Stati hanno mantenuto il segreto su tanto materiale e avvistamenti. Cosa che in futuro non dovrà più accadere.

Francesca Mancuso

Cerca