Google: la Commissione Europea lancia un ultimatum

google privacy ue

Google vs Commissione Europea. Dopo la notizia di una possibile trattativa in merito alle presunte violazioni sulla concorrenza, l’Antitrust dell’Ue lancia un ultimatum: se il motore di ricerca non presenterà rimedi convincenti per rassicurare i suoi concorrenti che si sentono sempre più minacciati - e dovrà farlo entro le prossime settimane - si procederà con i metodi tradizionali, che potrebbero portare ad una salatissima multa ai danni di Mountain View.

La società ha una quota di mercato di circa il 90 per cento delle ricerche su Internet in Europa, e circa il 70 per cento negli Stati Uniti. I suoi diretti concorrenti nel nostro continente si sono lamentati in particolare delle modalità con le quali Google dà la preferenza ai propri servizi pubblicitari, mettendoli in cima ai risultati, soprattutto quando i consumatori potrebbero essere interessati a degli acquisti.

Per due volte Google ha presentato proposte per evitare di incorrere nelle pesanti sanzioni, ma entrambe le volte ha ricevuto ferme bocciature. Se inizierà il percorso standard il pericolo è molto alto: tale iter potrebbe infatti richiedere anni, ma anche comportare multe del valore di miliardi di dollari.

D’altronde, secondo il commissario Ue alla concorrenza Joaquin Almunia, il feedback da parte di concorrenti e altri operatori di mercato sulle ultime proposte di modifica di Google ai suoi tradizionali metodi di ricerca sul web era chiaramente negativo. “Ora vediamo se Google riesce a migliorare la sua strategia; altrimenti passeremo al percorso tradizionale” ha dichiarato Almunia a Bruxelles.

E sembra proprio che tale opportunità, l’ultima, abbia anche tempi stretti. “Abbiamo bisogno di più, ma non nel prossimo anno, nel corso delle prossime settimane ha ribadito il commissario, che ha aggiunto che non ci saranno ulteriori tavoli di trattativa. La questione va avanti da troppo tempo, almeno dal 2010, e ormai l’Ue considera il tempo scaduto.

L’ufficio di Google a Bruxelles non sembra aver reagito alle e-mail e alle ripetute chiamate in cerca di commenti.

RDC

LEGGI anche:

- L'Antitrust Usa accusa Google: manipola i dati della ricerca a suo vantaggio

- Google-Ue, intesa vicina per evitare maxi-multa

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico