Ecco le 50 tecnologie del futuro: produrranno 20 trilioni di dollari

Tecnologie futuro

La tecnologia genera lavoro e opportunità: le tecnologie del futuro produrranno 20 trilioni di dollari. Questa la stima di Frost & Sullivan, secondo cui queste sono 50 e saranno presto delle vere miniere d’oro, in primis per chi avrà la fortuna di svilupparle. E chissà, forse, anche per chi ne usufruirà.

Tali tecnologie spaziano in molti settori dell’industria e della ricerca, tra cui Ict, apparecchi medicali e di imaging, manifattura avanzata e automazione, sensori e controlli, materiali e rivestimenti, microelettronica, “green” per l’ambiente, energie sostenibili, salute e benessere. E puntano tutte a centrare gli obbiettivi dell’Europa 2020. Cambieranno veramente la nostra vita?

Il lavoro analizza l’evoluzione delle industrie emergenti che hanno puntato molto sull’innovazione, rivolgendosi ad individui ed imprese con una visione futuristica, e analizza le industrie chiave con un potenziale di crescita nei mercati più estesi entro il 2020, indicando anche come questi settori avranno impatto su linee di prodotto e business esistenti. Lo studio ha poi preso in esame anche le principali opportunità e le possibili minacce.

“Si stima che il futuro sarà caratterizzato da mercati di trilioni di dollari che forniranno alle imprese nuovi canali e vie di crescita si legge sull’introduzione. Stando all’analisi, la maggior parte delle industrie emergenti saranno fortemente guidate dalla tecnologia, soprattutto quelle legate a software e connettività, e diventeranno più pervasive nel percorso verso un mondo più intelligente e digitalizzato.

Le tecnologie identificate non saranno solo frutto di nuove idee, ma anche di innovativi “mix” di tecnologie esistenti. Esempi di “convergenza tecnologica” sono le infrastrutture oil & gas “self-healing” (o autoriparanti), risultato del “mix” tra elettronica flessibile e rivestimenti superidrofobici.

Un posto di primo piano occupa poi la realtà aumentata, e in particolare le tecnologie indossabili, che, secondo precedenti stime, si attestano da sole su un mercato di quasi 24 milioni di dollari entro il 2019. Allo stesso modo la stampa 3D potrebbe inserirsi prepotentemente nel settore sanitario, come già visto in alcuni tentativi come le protesi dei mutilati e i trapianti di cranio.

Tutto questo scenario dovrebbe concretizzarsi tra il 2019 e il 2020.

Roberta De Carolis

LEGGI anche:

- Computer quantistico: due ricerche sulle tecnologie del futuro

- Tecnologia indossabile: Apple ci prova coi vestiti?

- Realtà aumentata: da Google 542 milioni di dollari per Magic Leap

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico