Apple: anche in Italia a scuola con l'iPad

ipad scuole

Apple sbarca nelle scuole italiane con l'iPad. Ieri Cupertino ha annunciato i nuovi libri di test iBooks disponibili in Europa e in molti altri paesi del mondo. Tra le novità, i nuovi iBooks che mettono a disposizione di insegnanti e studenti libri di testo Multi-Touch dinamici, interattivi e sempre aggiornati e iTunes U Course Manager, tramite cui gli insegnanti possono creare e distribuire interi corsi per le loro classi o condividerli pubblicamente tramite l’app iTunes U.

Sui tablet di Apple, gli studenti potranno utilizzare i nuovi libri di testo in formato digitale con animazioni interattive, diagrammi 3D, gallerie fotografiche e contenuti video. I vantaggi illustrati da Apple sono molteplici, dalle leggerezza data dal loro stesso formato alla possibilità di aggiornamento continuo. Sono quasi 25.000 i titoli creati da editori indipendenti, insegnanti e istituti didattici di rilievo, messi a disposizione.

Grazie agli incredibili contenuti e strumenti disponibili per l’iPad, gli insegnanti possono personalizzare l’esperienza di apprendimento come mai prima d’ora,ha dichiarato Eddy Cue, Senior Vice President Internet Software and Services di Apple. “Non vediamo l'ora di vedere come gli insegnanti, in un numero ancora maggiore di Paesi, creeranno i loro nuovi programmi didattici con libri di testo interattivi, app e contenuti digitali ricchi e coinvolgenti.”

Con iTunes U Course Manager, invece, saranno gli insegnanti i protagonisti. Essi potranno infatti condividere rapidamente materiali e contenuti con le loro classi oppure con utenti di tutto il mondo su iTunes U. Questa app gratuita per iOS consente a milioni di studenti di accedere al catalogo di contenuti didattici gratuiti sviluppati dai più importanti istituti, scuole e università. Grazie ad iTunes U Course Manager, gli insegnanti possono inoltre integrare nel programma didattico i documenti creati ma anche contenuti presi da internet.

iPad è molto più di un libro di testo o di un modo per prendere appunti: è uno strumento didattico potente, un compagno di studi, una finestra sul passato e una visione del futuro,” ha aggiunto Sophie Post, insegnante di storia presso la Falkner House School nel Regno Unito. “Prima insegnare storia significava seguire una cronologia statica di eventi. Sfruttando l’intero ecosistema didattico dell’iPad, creando i miei libri di testo iBooks e corsi iTunes U, e sfruttando app come History: Maps of the World, lo studio della storia è improvvisamente diventato un’esperienza creativa, dinamica e davvero coinvolgente per i miei alunni.

Francesca Mancuso

Foto: NYTimes

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- L'iPad 2 negli Usa va all'asilo

- Autismo: nuove possibilità di comunicazione grazie all'iPad

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico