Le tecnologie che entro il 2025 trasformeranno il mondo

tecnologia semantica 5800

La sfilata incessante delle nuove tecnologie si sta svolgendo su più fronti. Quasi ogni progresso è annunciato, ancora oggi, come una svolta, e l'elenco delle "next big things" diventa sempre più lungo. Non ogni tecnologia emergente altererà il paesaggio, ma sul piano sociale alune hanno veramente il potenziale di distruggere lo status quo, alterare il modo in cui le persone lavorano, vivono la loro vita.

Il McKinsey Global Institute ne stila una decina, capaci di guidare le enormi trasformazioni economiche nei prossimi anni e cambiare il nostro mondo, così come i suoi benefici e le sue sfide, offrendo le linee guida in supporto degli imprenditori e dei leader istituzionali.

Un universo che raccoglie settori come la robotica, l'internet mobile, le energie rinnovaili, il comparto petrolifero, dei trasporti e della nanotecnologia, per un potenziale impatto economico tra i 14.000 miliardi dollari e i 33.000 miliardi entro il 2025.

Una stima che secondo il centro di ricerca resta tuttavia approssimativa, tratta relazionando i settori chiave di investimento che l'economia internazionale offrirà ai processi produttivi e la futura diversificazione dei gusti dei consumatori.

La genomica di ultima generazione è solo uno dei numerosi comparti che nel prossimo decennio produrrà dei benefici economici e sociali all'intera comuntià globale: la manipolazione dei geni migliorerà la diagnostica e i trattamenti sanitari, offrirà progressi analoghi nella nostra comprensione di piante e animali, creando tra l'altro nuove opportunità per migliorare le prestazioni del settore agricolo.

Al contempo l'energia elettrica rivoluzionerà il settore automobilistico. Non troppo tardi molti veicoli ibridi potranno raggiungere finalmente prezzi di mercato e costi competitivi, le infrastritture trasporteranno nuove fonti nelle aree remote dei paesi in via di sviluppo per un nuovo disegno del pianeta.

I potenziali benefici che la teconologia saprà apportare al genere umano sono indiscussi, quanto le sfide che la comunità politica ed istituzionale dovrà intraprendere per misurarne il loro impatto. Non bisognerà attendere che l'innovazione cominci ad influenzare l'economia mondiale, sarà necessario inevece sviluppare delle previsioni perché vicino allo stravolgimento di un costume, ad esempio, può nascondersi anche la rimodulazione della natura del lavoro.

Ciò, conclude il McKinsey Global Institute, comporterà la creazione di nuovi sistemi di istruzione e di formazione attraverso l'ausilio dell'Internet mobile. Insomma, sarà fondamentale affacciarsi a nuove unità di misura strettamente legate al Prodotto interno lordo di ogni singolo Paese.

Una visione lungimirante che aiuterà i leader dei prossimi governi a bilanciare la necessità di favorire la crescita alla responsabilità di guardare fuori, per il bene pubblico, in linea con un nuovo modello imposto esclusivamente, appunto, proprio dalla tecnologia.

Augusto Rubei

Leggi anche:

- iBancomat: per prelevare i soldi basterà lo sguardo

- Hapifork, la forchetta intelligente che controlla come mangiamo

Cerca