Casa Brutale: la costruzione sulla scogliera a picco sul Mar Egeo

Casa Brutale

Una casa sulla scogliera, incastonata nella roccia con un'incredibile vista sul mareEgeo e una piscina come unica “finestra” della costruzione. È questa l'idea di due architetti greci, Laertis Antonios Ando Vassiliou e Pantelis Kampouropoulos, che hanno progettato un'abitazione dal design sorprendente.

Si chiama Casa Brutale ed è perfettamente in linea con lo stile concreto e potente del brutalismo, come i due architetti dello Studio Opa hanno ammesso: “Un poetico omaggio al Brutalismo puro”.

Casa Brutale è un richiamo a tutti quei luoghi dimenticati. La sua forma sottile garantisce una vista mozzafiato con un gioco di luci e ombre al centro della scena. La casa è costruita con materiali semplici: legno, vetro e cemento, uniti alla terra circostante e all'acqua. Il paesaggio è parte integrante dell'idea di base dal momento che gli elementi penetrano e prevalgono sulla costruzione.

Il tetto di Casa Brutale, una vetrata che funge anche da fondo della piscina, è una continuazione del Mar Egeo e in perfetta comunicazione con l'azzurro del cielo greco.

Essenziale fino all'estremo, Casa Brutale è definita da tre lastre di calcestruzzo di vario spessore.

1. Casa Brutale

2. Casa Brutale

3. Casa Brutale

La piscina, realizzata con vetro rinforzato, permette di illuminare tutto l'edificio attraverso la luce naturale, creando suggestivi effetti all'interno.

4. Casa Brutale

5. Casa Brutale

L'isolamento termico è garantito dal terreno circostante e il raffreddamento dalla piscina.

“L'impatto ottico dell'edificio sul paesaggio è minimo, con una sola facciata sul lato della scogliera e nessun volume che viene fuori dal livello del suolo” spiegano gli architetti.

6. Casa Brutale

8. Casa Brutale

10. Casa Brutale

All'interno arredo ridotto al minimo, con un tavolo da pranzo in calcestruzzo e panchine in cemento rivestite di legno.

7. Casa Brutale

Una scala interna conduce al piano ammezzato, dove la camera matrimoniale è esposto alla stessa visione travolgente del Mar Egeo.

Francesca Mancuso

Foto: OpenPlatformforArchitecture

LEGGI anche:

Citta' galleggianti: ecco come si vivra' fra 100 anni

Cerca