×

Errore

Error the gallery with an id of: 264 is not published

Error the gallery with an id of: 262 is not published

Ecco come portare il cielo sulla Terra

Evocation1

Raddoppiare la luce e lo spazio. C'è un modo molto semplice per farlo ed è offerto dagli specchi. Lo sa bene Shirin Abedinirad, artista iraniana che ha realizzato delle particolari installazioni nel deserto, permettendo di ammirare il cielo, guardando la Terra.

Un gioco di parole tradotto dalle sue splendide immagini. Due sono i progetti realizzati da Shirin. Il primo, “Heaven on Earth” sfrutta le forme geometriche di base e la composizione simmetrica degli specchi lungo delle scale di cemento.

Per me l'uso degli specchi è come creare un paradiso. Gli specchi danno luce, un concetto mistico importante nella cultura persianarivela. “Quando il pubblico sta in cima alle scale e guarda verso il basso, si trova faccia a faccia con un'illusione ottica che aumenta la luce, e quindi la loro spiritualità dello spazio. Il cielo blu riversato sul terreno simula una piscina”.

Ecco le immagini di Heaven of Earth:

La seconda serie di immagini è ancora più spettacolare e ha come location il deserto. Il titolo del progetto, non a caso, è “Evocation”. La bellezza in questo caso si intreccia con uno dei problemi più grandi, la mancanza di acqua.

Spiega l'artista: “La mia installazione di specchi porta piccole pozze d'acqua nella sabbia. Ho creato l'illusione e sfido il rapporto tra la mente umana e gli elementi della natura”.