Dubai: il "mondo" racchiuso in un arcipelago artificiale

world-islands-dubai

The World è un arcipelago artificiale situato a 4 km dalla costa di Dubai (Emirati Arabi Uniti), costituito da 300 piccole isole disposte in modo tale che, viste dall'alto, sembrino il planisfero terrestre.

Il nome dato all'arcipelago non è casuale, ogni isola rappresenta un Paese del mondo ed è plasmata secondo le sue caratteristiche. Gran Bretagna, Germania, Svizzera, Finlandia e Irlanda sono solo alcune delle nazioni riprodotte nell'arcipelago. Ogni isola ha un'estensione che oscilla tra i 14mila e i 42mila metri quadrati. La distanza media tra un'isola e l'altra si aggira intorno ai 100 metri.

Costruire questo arcipelago non è stato affatto facile, la realizzazione del progetto è costata tempo e denaro. I lavori sono stati interrotti per poi essere ripresi più volte a causa della recessione globale.

Per realizzare le isole che oggi coprono una vasta area territoriale che si estende per 9 km in lunghezza e 6 km in larghezza, sono stati impiegati 300 uomini e 34 milioni di tonnellate di pietre poste su 321 milioni di metri cubi di sabbia dragati dalle acque costiere di Dubai. Il costo totale dell'opera si aggira intorno ai 14 milioni di dollari.

Secondo un rapporto del gennaio 2012, più del 70% delle isole sono state vendute, ma solo due ospitano edifici. Una è l'isola del Libano, di proprietà di Ravi Raman, un imprenditore originario di Abu Dhabi, che l'ha acquistata con l'intento di organizzare feste pubbliche e private. Al momento l'isola è l'unica a mostrare qualche fermento commerciale.

Il Kleindienst Group di Dubai nel maggio di quest'anno ha annunciato che le sei isole di sua proprietà presto daranno vita al "Cuore dell'Europa" (The Heart of Europe). Un progetto molto ambizioso che porterà alla luce posti fantastici, ricreando la magica atmosfera delle più belle città dell' Europa Centrale.

Le 14 isole che compongono Australia e Nuova Zelanda sono state invece acquistate da un gruppo di investitori del Kuwait per realizzare un resort. Finlandia, Irlanda, Gran Bretagna, Mosca e altre isole sono state acquisite da gruppi diversi per essere trasformate in ville, resort, pub e locali di vario genere.

Le uniche isole a non essere state messe in vendita sono le "Coral Island", ossia le isole che compongono la parte nordamericana del mondo, che saranno gestite dall'ideatore del progetto, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum proprietario del Nakheel Group.

Italia Imbimbo

Foto: International Space Station

Leggi anche:

- In Islanda la Laguna Blu artificiale: le immagini

- I 10 posti più enigmatici della Terra

- A Dubai l'hotel in fondo al mare

Cerca