Un nuovo cratere sulla Luna. È 'l'impronta' della sonda LADEE

Ladee-cratere

Si deve al Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC) della Nasa e a Mark Robinson, ricercatore principale del progetto, l'aver scoperto sulla superficie della Luna un piccolo cratere a 300 metri di distanza dalla zona d'impatto della sonda LADEE.

L'impatto della navicella è avvenuto ad una velocità di circa 1.699 metri al secondo, creando un cratere delle dimensioni di una stanza. Nelle immagini relative alla regione orientale del cratere Sundman V, è possibile notare un'area luminosa che conferma il fatto che qualcosa, nella conformazione della superficie, è cambiato.

Il LADEE della Nasa, o Lunar Atmosphere and Dust Environment Explorer, studia le polveri sospese nell'atmosfera estremamente rarefatta della Luna, la esosfera. Gran parte delle polveri viene emessa dalla superficie lunare durante gli impatti di meteoriti, ma altre quantità possono essere espulse verso il cielo da forze elettrostatiche attive quando sorge il Sole.

Mentre la sonda utilizzava l'ultima parte del suo combustibile, gli ingegneri hanno abbassato la sua orbita per studiare l'ambiente lunare, ottenendo nuovi dettagli. Le variazioni nella topografia del satellite e la gravità hanno portato la navicella a schiantarsi sulla superficie il 17 aprile di quest'anno, sul lato oscuro della Luna.

Le ridotte dimensioni del cratere, dunque, si riferiscono proprio alla velocità relativamente bassa dei motori (considerando che i meteoriti colpiscono ad una velocità molto più elevata) e alle piccole dimensioni della navicella stessa. Per rilevarlo, infatti, gli scienziati hanno dovuto sviluppare uno speciale software in grado di scovare ogni minima variazione rispetto al "prima e dopo" nelle immagini.

ladee cratere luna

Nonostante le esigue dimensioni del cratere, la navicella è riuscita ad espellere un pennacchio di brillanti polveri lunari fino a 200-300 metri dal luogo dell'impatto. I futuri astronauti, quindi, potranno probabilmente trovare schegge di metallo della sonda mescolate alle polveri lunari depositate nei pressi del luogo dell'impatto.

"Sono contento che la squadra LROC sia stata in grado di confermare il punto di impatto di LADEE", ha dichiarato Butler Hine, LADEE project manager presso l'Ames Research Center, in California. "Ciò contribuisce ad ottenere una migliore consapevolezza dei risultati di un duro lavoro".

E il nuovo cratere resterà visibile per milioni di anni.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Ladee: la sonda della Nasa si schianterà sulla Luna entro aprile

- Luna: due video mostrano la sua storia

Cerca