Vita su Marte: sì ma in passato

vita marte

Su Marte c'è stata la vita? Il dilemma è sempre aperto nonostante le numerose risposte negative della Nasa. Ma una nuova ricerca rilancia il dibattito sulla possibilità che in passato sul pianeta rosso ci fossero dei microbi. Gli autori della nuova ricerca non stanno sostenendo di aver trovato le prove di vita antica su Marte. Parlano infatti di attività biotica analizzando anche le meteoriti marziane che finiscono sulla Terra.

Si rafforza ulteriormente la possibilità di vita passata su Marte, ma naturalmente, non è affatto una prova”, ha detto l'astrobiologo Dirk Schulze-Makuch della Washington State University, non coinvolto nello studio.

Gli scienziati non hanno ancora trovato alcuna prova concreta che la vita sia realmente esistito in passato su Marte, ma hanno trovato la prova che il pianeta avrebbe potuto essere abitabile. Anche se Marte oggi è sterile, gli scienziati hanno ipotizzato che l'acqua - l'ingrediente chiave per la vita - abbia coperto la sua superficie sotto forma forma di oceani, fiumi e torrenti. Nel 2013 anche il rover Curiosity della Nasa, al lavoro su Marte, ha fornito le prove della presenza di microbi sul Pianeta Rosso miliardi di anni fa.

Mentre i rover lavorano su Marte e i satelliti sono a caccia di condizioni adatte alla vita sul pianeta rosso, anche senza volare via dalla Terra gli scienziati hanno cercato le prove della vita antica nelle meteoriti marziane che sono finite sul nostro pianeta.

Il meteorite che cadde sulla Terra durante l'età della pietra contiene cunicoli microscopici e sfere che ricordano i marchi che i microrganismi lasciano nelle rocce sulla Terra. Queste caratteristiche sembrano essere state impresse nelle rocce di Marte prima che lasciassero il pianeta Rosso.

Il meteorite al centro del nuovo studio è noto come Yamato 000593. Dal peso di 14 kg, tale roccia è stata trovata dagli scienziati della giapponese Antarctic Research Expedition nel 2000 presso il ghiacciaio Yamato in Antartide. I ricercatori ritengono che si sia formata su Marte 1,3 miliardi anni fa e sia venuta a contatto con l'acqua durante il passato bagnato del pianeta rosso, prima di finire sulla Terra durante gli ultimi 10.000 anni.

Lauren White, ricercatore del Jet Propulsion Laboratory della Nasa a Pasadena , in California, ha detto che l'obiettivo principale della ricerca era quello di scoprire se i tunnel e le sferule ricche di carbonio all'interno del meteorite fossero indigene o il risultato di una contaminazione sulla Terra.

Lìo studio non è destinato a verificare se queste caratteristiche siano state formate da mezzi biotici o abiotici , ma piuttosto a scoprire se esse sono in realtà di origine marziana”, ha detto White a Space.com. “Abbiamo confrontato Yamato con un altro meteorite marziano, Nakhla, che cadde in Egitto” nel 1911.

Nel 2006, gli scienziati hanno segnalato che anche questa roccia marziana di 1,3 miliardi di anni fa presentava una serie di tunnel microscopici che sembravano i “sentieri” dei batteri sulla Terra.

Non ci sono ancora prove certe, ma Curiosity è al lavoro per trovarle.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Vita su Marte: uno scienziato ne è convinto e denuncia la Nasa

Curiosity: Marte in passato ha ospitato la vita

Vita su Marte? Ma non c'e' metano

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico