#Cometa Lovejoy: spettacolare foto della Dark Energy Camera

cometlovejoy

Un caso fortuito e l'obiettivo (indiscreto) della Dark Energy Camera immortala la cometa Lovejoy. Non una qualunque, se non la fotocamera digitale da 570 megapixel, la più potente al mondo e connessa al telescopio Blanco, situato sul Cerro Tololo, in Cile.

Il telescopio, al momento del super scatto, era intento a monitorare il cielo per studiare la natura dell'energia oscura. Il Dark Energy Survey (DES), infatti, è progettato per sondare l'origine dell'universo, analizzando la storia di 14 miliardi di anni di espansione cosmica ad alta precisione. Solo accidentalmente gli operatori addetti alla fotocamera hanno catturato l'immagine che ritrae la cometa Lovejoy, una vecchia conoscenza per gli appassionati dei fenomeni astronomici poiché ha dato spettacolo di sé proprio di recente, precisamente alla fine dello scorso 2014 e all'inizio di quest'anno. E attesa da molti proprio a marzo, quando sarà visibile anche con i semplici binocoli.

E, infatti, il mix di immagini risale al 27 dicembre 2014 ed è stato ottenuto grazie ad un vero e proprio collage fotografico di diversi campi di ripresa, relativi ai 62 sensori di cui è dotata la fotocamera digitale. Un evento fortuito, quindi, visto che gli scienziati erano impegnati a guardare molto oltre, nell'universo.

Lovejoy M76

Ma la fotocamera del telescopio Blanco è sensibile alla luce da un massimo di 8 miliardi di anni luce di distanza. Una sensibilità tale da rendere possibile impressionare l'obiettivo grazie alla luminosità della cometa Lovejoy C/2014 Q2 che, al momento del fortunato scatto, transitava ad una distanza dal nostro pianeta di circa 82 milioni di chilometri.

cometa lovejoy1

Un gioco da ragazzi per la Dark Energy Camera, vista la sua capacità di catturare luminosità molto più deboli eprovenienti da corpi celesti distanti anche miliardi di anni luce.

Lovejoy

Così, nell'immagine che ritrae a tutto tondo C/2014 Q2, risulta visibilmente nitido il nucleo della cometa stessa e la scia retrostante di polveri e gas, che si estende per oltre 600 mila chilometri.

cometa lovejoy

La foto "ci ricorda che prima di poter guardare fuori oltre la nostra galassia fino ai confini dell'Universo, abbiamo bisogno di osservare gli oggetti celesti molto più vicini a casa!", ha commentato entusiasta il team responsabile delle imprese della fotocamera.

Federica Vitale

Image Credit: darkenergydetectives.org e spaceweather

Leggi anche:

- Cometa Lovejoy: questa sera il picco della sua luminosità

- A #Natale arriva una nuova #cometa: come osservarla

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico