2011 AG5: l'asteroide nel 2040 non colpira' la Terra

asteroide2011 ag5

L'asteroide 2011 AG5 non rientra più tra le potenziali minacce per la Terra. Lo hanno detto gli astronomi che gestiscono il telescopio Gemini di Mauna Kea, nelle Hawaii. Ed è così che il 2012, l'anno della presunta fine del mondo si conclude con una buona notizia per il futuro.

Il pericoloso avvicinamento tra 2011 AG5 e la Terra era previsto per il 2040. Lo scorso marzo, un team di scienziati del Jet Propulsion Laboratory della Nasa lo aveva posto tra gli asteroidi da tenere "sotto osservazione". Scoperto l'8 gennaio 2011 dagli astronomi americani utilizzando un telescopio da 60 pollici del Mount Lemmon Survey di Tucson, 2011 AG5 ha fatto molto parlare di sé. Con un diametro di circa 140 metri, nel 2040 la sua orbita lo avrebbeportato dalle nostre parti, con rischi potenzialmente incalcolabili. Ma così non sarà.

Gli astronomi dell'Università delle Hawaii a Manoa hanno effettuato nuove osservazioni dell'asteroide 2011 AG5 mostrando che questo ad esso non è collegato un significativo rischio di impatto.

Il rischio che l'asteroide si avvicini alla Terra nel 2040 al punto da destare preoccupazione è stato dunque ridotto dai nuovi calcoli e dalle osservazioni effettuate dagli scienziati hawaiani. Sono state ridotte alcune incertezze e ne è stata ricalcolata l'orbita. In questo modo, la Terra nel febbraio 2040 non rientra più tra i possibili percorsi futuri dell'asteroide. Secondo l'orbita aggiornata, l'asteroide passerà ad una distanza di 890mila chilometri (più di due volte la distanza Terra-Luna) nel mese di febbraio 2040, il momento della potenziale collisione.

Ma il sassolino, si fa per dire, passerà dal nostro pianeta ad una distanza tale da non destare preoccupazione. Anche questa volta, la Terra se la caverà.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- 2040: l'asteroide 2011 AG5 si avvicinerà pericolosamente alla Terra

- Asteroide 2011 AG5: impatto nel 2040? Lo sapremo solo nel 2023

- L'asteroide 2011 AG5 in rotta verso la Terra?

Cerca