Harvard: il mondo in attesa. Forse catturato il vagito del Big Bang

Potrebbe essere una prova in diretta dell’eco del Big Bang, il risultato che sarà presentato oggi all'Università di Harvard alle 17 italiane. Si parla di una scoperta molto importante, ma finora non ci sono notizia di pubblicazioni né annunci da parte della stessa università, anche se il passaparola sul web fa crescere l’attesa.

In molti sostengono si tratti di del primo vagito dell'inizio dei tempi e dello spazio: il Big Bang. Lo avrebbero osservato al Polo Sud, con il telescopio a microonde Bicep, acronimo che in italiano significa bicipite, ma che per esteso si legge Background Imaging of Cosmic Extragalactic Polarization, installato in Antartide, vicino alla base americana Amundsen-Scott.

I dati potrebbero riguardare le onde gravitazionali, quel fenomeno previsto da Albert Einsten che consiste nelle perturbazioni create nello spazio-tempo da fenomeni violenti. Secondo uno dei più celebri cosmologi a livello internazionale, Paolo De Bernardis, dell’università Sapienza di Roma e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), quello che Harvard potrebbe annunciare “potrebbe essere una misura indiretta delle onde gravitazionali emesse pochi attimi dopo il Big Bang. Una misura indiretta, come ce ne sono state anche in passato”.

Insomma,“l’importanza della scoperta non sarebbe tanto nelle onde gravitazionali, quanto nella misura di un effetto così vicino al Big Bang”. Oggi, la prima immagine che possiamo avere dell'Universo è quella di quando aveva poco più di 300.000 anni, un'inezia rispetto ai 14 miliardi di anni che si stima sia la sua attuale età.

Ora, stando ai rumors, potrebbe darsi che i fisici americani abbiano trovato i segni di quelle onde gravitazionali che ci ri-porterebbero all'eco di ciò che accadde prima di 300 mila anni fa. La prova, ovviamente, dovrà essere verificata e indubbiamente solleverà un ampio dibattito internazionale. Ma se dovesse risultare esatta, il passo dell'uomo verso la scoperta dell'Universo, questa volta, sarebbe incommensurabile.

Capablanca

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche:

- Big Bang: i misteri delle particelle

- Big Bang: le galassie nacquero prima di quanto stimato fino ad oggi

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico