Le cellule umane viste nello spazio

cellule spazio

Le immagini della Terra vista dallo spazio regalano scenari innegabilmente incredibili. Ma cosa dire delle istantanee che ritraggono lo spazio interno, precisamente le cellule umane? Sicuramente, qualcosa di spettacolare. E di nuovo. Uno sguardo alle cellule umane viste nello spazio e come mai le avremmo considerate.

In particolare, le nuove foto di cellule umane riprese nelle spazio, a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, sembrano più un'opera d'arte che la creazione della scienza. In particolare, l'immagine intitolata "Goldfinger" dagli scienziati rivela una cellula immunitaria monocita come un oggetto maniacalmente traslucido, di colore rosso-arancio e con accenni verdi.

La foto della cellula umana nello spazio è stata scattata a bordo della stazione orbitante, in condizioni di “simulata gravità”, usando il Kubik Incubator dell'Agenzia Spaziale Europea. L'incubatore comprende una centrifuga per simulare la gravità nello spazio. Per creare l'immagine, le cellule sono state poste su alcune diapositive rivestite d'oro. Quando le cellule sono cresciute, gli scienziati hanno rimosso il rivestimento d'oro, che permette di misurare il proprio movimento nello spazio. Gli anticorpi nelle cellule, destinate a brillare sotto un microscopio a fluorescenza per monitorare le proteine, hanno creato gli strani colori della foto. "Alcune cellule, come quelle dei muscoli e del nostro sistema immunitario, sono mobili. Altre, come quelle delle nostre ossa, sono fisse", hanno spiegato i funzionari dell'ESA. "Sapere come il volo spaziale influisce sulla mobilità delle cellule è importante per gli astronauti e per i progettisti della missione".

Sulla Terra, la mobilità delle cellule all'interno di un corpo dipende dal citoscheletro, la struttura interna di ogni cellula. Tuttavia, gli esperimenti nello spazio hanno rivelato che i cambiamenti del citoscheletro si verificano in orbita ad una mobilità ridotta delle cellule stesse. "Questo processo potrebbe essere uno dei motivi per cui gli astronauti soffrono di un sistema immunitario indebolito quando si vive nello spazio", spiegano ancora i funzionari dell'ESA.

Gli scienziati sperano che gli studi delle cellule del sistema immunitario effettuati nello spazio potranno aiutare a portare ad alcune contromisure per gli astronauti durante i voli spaziali di lunga durata a bordo della stazione nonché nelle future missioni nello spazio profondo.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Luca Parmitano: intervista all'astronauta italiano che a maggio partirà per lo spazio

- Cellule staminali umane coltivate nel cervello dei ratti

- Roberto Vittori sull'Iss: gli esperimenti della Missione Dama

Cerca