Meteoriti in Russia: trovati alcuni frammenti

meteorite trovato

Finito il panico in Russia per la pioggia di meteoriti, se ne cercano le tracce. E così un gruppo di scienziati della Urals Federal University, sostenuto dal governo del paese colpito, ha intrapreso un'accurata indagine, trovando dei resti nei pressi di un cratere all'interno del lago ghiacciato Chebarkul, probabilmente creato dal meteorite stesso.

"Abbiamo appena completato lo studio -ha spiegato Viktor Grohovsky che ha partecipato al lavoro- Confermiamo che le polveri sottili che abbiamo trovato durante la nostra spedizione nella zona del lago di Chebarkul hanno effettivamente natura di meteorite. Si tratta di condrite, un meteorite di pietra che contiene circa il 10 per cento di ferro".

I frammenti ritrovati sono circa 50 e il più grande misura 1 centimetro. Gli esperti ipotizzano che il blocco centrale si trovi in fondo al lago, e che, stando alle dimensioni dei ritrovamenti, possa misurare 50-60 centimetri. Ma c'è di più: altri resti del meteorite potrebbero trovarsi nei boschi della Siberia occidentale, ora completamente coperti di neve.

La Nasa ha stimato che il meteorite russo era di circa 15 metri di diametro per un peso di 7 mila tonnellate quando ha colpito l'atmosfera terrestre lo scorso 15 Febbraio, viaggiando con una velocità superiore a quella del suono, ed esplodendo poi in una palla di fuoco più luminosa del sole.

L'evento ha scosso un'intera popolazione ferendo mille e 200 persone. Tuttavia, il fatto che un meteorite colpisca la Terra non è un fatto di per sé improbabile. “Grosso modo una volta all’anno si verifica in atmosfera un evento che libera un’energia pari a quella della bomba di Hiroshima" ha spiegato Giovanni Valsecchi, dell'Inaf - Iaps di Roma, esperto di meteoriti.

Quello che è altamente improbabile è che i corpi celesti colpiscano terre popolate, la minima percentuale della superficie del nostro pianeta. Ma, come ogni evento di probabilità nulla (o quasi) non è impossibile. E, a quanto pare, lascia traccia.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- Meteoriti in Russia e asteroide 2012 DA14: nessun legame. La conferma della Nasa