40 anni fa l'ultimo allunaggio. Un pezzo di storia

apollo-17

40 anni fa l'ultimo allunaggio. Non importa quanto si sia coinvolti dalle prodezze marziane di Curiosity o dai vari programmi spaziali privati che ci mostrano e rendono più a portata di mano quest'ultima frontiera, quella dello spazio, tanto da prometterci addirittura il turismo lunare. Resta il fatto che oggi si ricorda quel giorno di 40 anni fa, in cui un piede umano toccò la superficie della Luna.

11 dicembre 1972. Il giorno in cui Apollo 17 atterrò sulla Luna. Un pezzo di storia stava per iniziare. La navicella decollò il 7 dicembre e quello fu l'unico lancio notturno di un Apollo. Uno dei razzi vettori utilizzati mirò al satellite. E lì giunse. L'impatto fu misurato dagli strumenti lasciati dalle precedenti missioni di Apollo 15 e 16. Secondo le registrazioni possedute dalla fondazione Smithsonian, l'allunaggio ebbe luogo alle 19:54:57 GMT del 11 dicembre.

Ronald E. Evans fu lo “sfortunato” astronauta lasciato ad orbitare intorno alla luna nel modulo di comando. I suoi due colleghi, Harrison H. Schmitt e Eugene Cernan, scesero sulla superficie lunare. La coppia giunse nella valle Taurus-Littrow e condusse tre passeggiate lunari, sebbene in realtà si possa effettivamente parlare di “moondrives”, ossia di passeggiate motorizzate a bordo del Lunar Roving Vehicle. Gli astronauti riuscirono a percorrere, grazie al rover, 7 intensissimi chilometri.

Schmitt è stato il primo scienziato a visitare la Luna. Geologo di professione e mai membro delle forze armate, Schmitt è colui che regalò al mondo la meravigliosa immagine, ormai divenuta icona, battezzata "Blue Marble", una foto della Terra vista dallo spazio.

blue marble

Quel che tuttavia non fu attribuito a Schmitt fu l'aver sviluppato alcune delle tecniche utilizzate per studiare la superficie lunare sulla missione. Tali tecniche riuscirono a riportare sulla Terra 110 kg di campioni, tra materiali di superficie e di profondità. Infatti, grazie alla posizione in cui venne effettuato l'atterraggio, le ripide scogliere offrirono strumenti utili per studiare il passato del satellite.

Apollo 17 trascorse sulla superficie lunare 75 ore. E 22 di quelle ore furono dedicate alle attività fuori dal lander. Da allora, la Nasa non ha più inviato astronauti sulla Luna. Dopo Apollo 17, si attivarono diverse e macchinose controversie politiche di finanziamento dirette ad intraprendere altre missioni. Ulteriori programmi Apollo erano in progetto. Una missione 18,19 e 20 erano già pronte sul tavolo, tuttavia altre missioni targate Skylab ebbero il sopravvento ed acquistarono priorità.

Cernan fu, quindi, l'ultimo uomo, almeno fino ad oggi, a camminare sulla Luna. E pronunciò le seguenti parole prima della partenza: "Visto che faccio ultimo passo dell'uomo sulla superficie, tornando a casa per un po' di tempo, sebbene noi non crediamo di aspettare troppo a lungo nel futuro, vorrei solo dire quello che credo la storia ricorderà. Questa sfida dell'America di oggi ha forgiato il destino dell'uomo di domani. E, siccome lasciamo la Luna da Taurus-Littrow, partiamo da dove siamo arrivati e, a Dio piacendo, vi ritorneremo, con pace e speranza per tutta l'umanità. Dio guidi l'equipaggio di Apollo 17”.

Ed è difficile dargli torto.

Federica Vitale