Cern: la particella somiglia davvero al Bosone di Higgs

Higgs delusione

Il 'Bosone di Higgs' forse non aprirà le porte di una nuova fisica, ma sarà probabilmente coerente con il cosiddetto 'Modello Standard Higgs', che si allinea con l'attuale concetto scientifico di universo. Questo è quello che emerge dai nuovi dati presentati a Kyoto dagli scienziati del Cern, raccolti con il Large Hadron Collider (Lhc). Non per questo però la particella è una delusione, secondo gli studiosi.

Alla scoperta del bosone, la 'Particella di Dio', ci fu grande clamore nella comunità scientifica. Come abbiamo già visto, tra gli studiosi c'è chi ipotizzò che questa scoperta potesse portare a cambiare la visione dell'universo o comunque ad aprire le porte a nuove ipotesi sull'origine del cosmo, e chi già ipotizzava come in realtà la particella rientrasse nel modello standard.

Le ricerche sono poi andate avanti, come era stato annunciato in seguito alla presentazione dei dati di Luglio, considerati preliminari, e le nuove misure sembrano confermare la seconda teoria. Gli scienziati del Cern tuttavia, da un lato non escludono che ulteriori indagini possano comunque portare a qualcosa di "esotico", dall'altro non considerano la prima ipotesi una delusione. Infatti, anche se allineato con il modello standard, il bosone ne confermerebbe la validità, cosa che di per sé rappresenta un grande risultato.

I nuovi dati continuano inoltre a confermarne l'esistenza. "È ancora troppo presto per dirlo, ma la nuova particella assomiglia, come canta e balla, sempre di più ad un bosone di Higgs", ha dichiarato a questo proposito Pauline Gagnon, fisico che ha partecpato all'esperimento Lhc Atlas, con il quale la particella è stata osservata.

Ma la ricerca deve comunque andare avanti, perché non sappiamo cosa potrebbe nascondersi ancora dietro questa scoperta, per certi versi ancora così misteriosa. "La sfida è quella di misurare tutte le proprietà della nuova particella in dettaglio - ha dichiarato Oliver Buchmueller, che ha collaborato all'esperimento parallelo Cms - Ci vorrà del tempo per stabilire una comprensione globale della sua vera natura complessiva".

Gli scienziati hanno rivolto infatti gli sguardi e le attenzioni agli anni dopo il 2014, quando il potere dell'Lhc sarà raddoppiato, e anche alla possibilità di costruire un altro potentissimo strumento, diverso dal primo, possibilmente in Giappone.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- Bosone di Higgs: per i fisici americani non è la particella di Dio

- Bosone di Higgs: ecco come cambierà le nostre vite

- Cern: la Particella di Dio esiste

Cerca