Hot Flow Anomaly, trovate esplosioni anche su Venere

venere esplosioni

Quando il vento solare (il flusso di particelle e gas allo stato di plasma che il Sole emette continuamente) si scontra con gli strati più alti della spessa atmosfera di Venere, che è 90 volte più densa di quella della Terra, produce fenomeni complessi ed interessanti, che sono stati analizzati da un team di scienziati del Goddard Space Flight Center della NASA. Le ricerche hanno portato a scoprire una specie di esplosione avvenuta sopra il pianeta, denominata Hot Flow Anomaly (HFA). Questi fenomeni, che avvengono anche sul nostro pianeta, producono una temporanea inversione del flusso del vento solare che spazza Venere, creando una sorta di “rimbalzo” di materia.

Nell’ambiente terrestre le Hot Flow Anomalies si registrano in media una volta al giorno”, ha spiegato Glyn Collinson, del centro di ricerca della NASA e primo autore dell’articolo sulla scoperta, che sta per essere pubblicata sul Journal of Geophysical Research. “Sono state osservate su Saturno e forse anche su Marte – ha aggiunto Collinson - e adesso abbiamo registrato una loro traccia nell’ambiente di Venere. Dal momento che questo pianeta non possiede un campo magnetico, l’esplosione avviene proprio sulla sua superficie”.

Studiando i dati della sonda Venus Express dell’ESA - che dal 2007 ruota attorno a Venere, raccogliendo informazioni sulla sua atmosfera e sulla sua struttura – gli studiosi hanno esaminato le misure di campo magnetico e temperatura delle particelle attorno al pianeta per individuare se ci fossero dei segnali di cambiamenti repentini nei valori di temperatura e campo magnetico durante le sue orbite, segnale inequivocabile che la sonda aveva attraversato una di queste enormi esplosioni.

Alla fine di un lungo e complesso lavoro, come spiega l'Inaf, (gli strumenti di Venus Express non erano stati progettati per questo genere di indagini) gli scienziati hanno trovato ciò che stavano cercando: tra i dati analizzati è risultato infatti un fenomeno, avvenuto il 22 marzo 2008, che mostra tutte le caratteristiche tipiche di una Hot Flow Anomaly.

Antonino Neri

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico