Luna: le sonde Grail entrano in orbita. La missione diventa operativa

luna_hd

Le sonde gemelle del progetto Grail sono entrate nell'orbita della Luna. Lo ha annunciato la Nasa in queste ore, precisando che la seconda navetta, la Grail-B, ha iniziato a ruotare intorno al satellite proprio ieri, unendosi così alla gemella, entrata in orbita il 31 dicembre.

Le due astronavi dell'agenzia spaziale americana avranno il compito di misurare nei prossimi mesi le spinte e le forze di attrazione della gravità lunare, mappando così la profondità del satellite. Lanciate entrambe il 10 settembre scorso con un razzo Delta II dalla base di Cape Canaveral, le sonde Grail (Gravity Recovery and Interior Laboratory) hanno viaggiato in modo indipendente l'una dall'altra per tre mesi e mezzo, percorrendo oltre 4 milioni di chilometri.

Non appena avranno raggiunto la posizione ottimale, spiegano gli esperti, cominceranno a lavorare in tandem per raccogliere dati che permetteranno di ricostruire la storia della Luna con un dettaglio senza precedenti.

I ricercatori si aspettano che le differenze regionali nella gravita' lunare possano avere effetti sulla distanza tra le due sonde, aumentandola, o riducendola. In altre parole, la distanza fra le due sonde dovrebbe variare quando sorvolano aree in grado di avere effetti visibili sulla gravita’ e sulla posizione delle sonde, come montagne, crateri e masse nascoste sotto la superficie.

Le informazioni relative alle variazioni saranno poi tradotte in una mappa ad alta risoluzione del campo gravitazionale della Luna e forniranno elementi preziosi per comprendere la storia e l'evoluzione non solo del nostro satellite, ma anche della Terra e degli altri pianeti rocciosi del Sistema Solare.

Con l'entrata in orbita della Grail-B diventano tre i veicoli spaziali nei pressi della Luna, tutti americani: si conta infatti anche la sonda Artemis, lanciata nel 2007 e la cui missione e' destinata a concludersi nel 2012.

Costata complessivamente 496 milioni di dollari, la missione durerà 82 giorni e "permettera' di scoprire molti aspetti ancora misteriosi della Luna e ci aiutera' a comprendere la sua storia, accanto alla storia della Terra e degli altri pianeti del Sistema Solare'', ha dichiarato la responsabile scientifica della missione, Maria Zuber, del Massachusetts Institute of Technology (Mit). ''Questa missione - ha aggiunto - riscrivera' i libri di testo sull'evoluzione della Luna''.

Per gli Usa si tratta della 109/ma missione sulla Luna dal loro debutto sulla scena spaziale, nel 1959. Di queste missioni, 12 hanno avuto uomini a bordo e hanno portato a Terra complessivamente piu’ di 380 chilogrammi di rocce e terreno lunari.

AR

Cerca