Russia: 2 miliardi di dollari per ripulire lo spazio dalla spazzatura

Debris-GEO1280-720x576

Ripulire le strade e lo spazio dalla spazzatura è un'utopia? Non in Russia, dove una società spaziale ha intenzione di investire 2 miliardi di dollari per costruire una capsula in grado di svolazzare in giro ed eliminare l'immondizia presente in orbita e sulla Terra.

Alla base dell'idea di pulizia 'spaziale' vi è l'ormai triste limite delle orbite non più percorribili a causa dei detriti presenti nello spazio, formati da resti di satelliti, dalle polveri e dal materiale espulso dai motori dei razzi. Liberando le zone del cosmo ormai intasate, si potrebbe tornare a visitarle.

Il tutto dovrebbe essere garantito dall'utilizzo di un sistema di ioni, che piano piano spostano gli scarti inutili fuori orbita. Stando alle stime di Energia, la società che si sta occupando del progetto, il dispositivo avrà un nucleo centrale nucleare, e potrebbe già funzionare nel 2020. Avrà una durata di circa 15 anni, tempo sufficiente per incidere in maniera significativa sul problema dei detriti spaziali.

Sempre nell'ambito del progetto, Energia sta anche lavorando allo sviluppo di un veicolo spaziale 'interceptor', che utilizzando una tecnologia simile, in grado di captare eventuali oggetti in volo verso la Terra, come comete in arrivo o altri elementi vaganti nel cosmo, ne devierà la traiettoria.

Saremo salvi dalla spazzatura spaziale, e anche dagli asteroidi.

Francesca Mancuso

Cerca