Scoperta la proteina che blocca il tumore

immagine

Una proteina vigile del cancro. L'hanno chiamata 'semaforina' perché come un semaforo da il via ad una cellula malata per produrre metastasi. Se si troveranno dunque farmaci in grado di azionare il rosso cellulare invece che il verde, sarà un enorme passo verso la lotta contro il cancro

La ricerca, condotta da Luca Tamagnone presso l’Istituto anti-tumori di Candiolo e pubblicata sul Journal of Clinical Investigation, ha esaminato diversi tipi di semaforine presenti nelle cellule, riscontrando però che solo la E3 "regola la crescita delle metastasi" su cellule di melanoma e su quelle del tumore del colon retto.

"Ciò che abbiamo trovato - spiega l'autore dello studio - è che più alti sono i livelli di semaforina E3, più sono invasivi, maggiore è la formazione di metastasi".

Secondo gli esperti, inoltre, "la scoperta ha una doppia valenza". Da una parte "si potrebbero realizzare test diagnostici che permettano di capire se un tumore è particolarmente cattivo sulla base del livello di semaforina"; dall’altra "i risultati preliminari hanno dimostrato che è possibile agire sulla semaforina per bloccarne l’azione".

Tamagnone fa sapere anche di aver "già trovato una sostanza che blocca questa proteina", ma il "problema" è che non può essere trasformata in farmaco.

Augusto Rubei

Cerca