Alzheimer: se più istruiti meno rischi

immagine

Studiare, studiare e studiare per ridurre il rischio si Alzheimer. Perchè secondo una ricerca condotta dalla professoressa Carol Brayne, dell'Università di Cambridge (Gran Bretagna), pubblicata su Brain, l'istruzione è in grado di difendere il cervello.

Il team di ricercatori ha infatti dimostrato che all'aumentare del livello di studio, che si traduce in "ogni passato coi libri di testo", vi è "un calo dell'11% del rischio demenza". 

Dopo aver raccolto in esame 872 persone, tutte già reclutate in analisi sull'invecchiamento, e osservando i volontari, gli esperti hanno notato come i soggetti con un'alta estrazione socio-economica e un elevato livello d'istruzione fossero in grado di reagire meglio alla malattia, riducendo in una qualche misura i sintomi.

Per Hannah Keage, co-autrice della ricerca, una persona "può mostrare una patologia cerebrale di una certa gravità, mentre un'altra può darla molto poco a vedere, eppure possono aver avuto la stessa demenza. Il nostro studio - conclude infine la specialista - dimostra che l'istruzione nel corso della prima infanzia sembra generare determinati cambiamenti nel cervello in grado di difenderlo dalla demenza".

Augusto Rubei

Cerca