I sordi hanno una super vista

immagine

I sordi vedono meglio. Finalmente tale ipotesi è stata accertata. A farlo è stato un team di ricercatori del Centre of Brain and Mind dell'Università del Western Ontario.

La ricerca, pubblicata di recente su Nature Neuroscience, ha dimostrato che la mancanza di un senso comporta il potenziamento di un altro, per sopperire a tale deficit. L'esperimento è stato condotto su gatti sordi dalla nascita, ai quali è stata disattivata temporaneamente la corteccia uditiva. In quella condizione, la loro visione periferica subiva un repentino miglioramento.

La spiegazione degli studiosi ha riguardato la capacità del nostro cervello di organizzarsi in maniera dinamica, per cui se una parte non funziona correttamente, ne viene adoperata un'altra. Nel caso dei sordi, il cervello, in mancanza dell'udito, sviluppa una super-vista, in grado di cogliere oggetti e movimenti nel cosiddetto campo visivo periferico, laterale e più estremo. Tale adattamento ha un ruolo fondamentale per le persone che non sono in grado di percepire suoni e rumori.

Una sorra di meccanismo di compensazione, molto molto affascinante. Stephen Lomber, coordinatore dello studio, ha spiegato: ''Il cervello è molto efficiente e non lascia che spazio inutilizzato vada sprecato''.

Il cervello vuole compensare il senso perduto con miglioramenti benefici” ha aggiunto Lomber. “Per esempio, se sei sordo, puoi trarre beneficio dal vedere una macchina che si allontana dalla tua visione periferica, perché non puoi sentire che la macchina si sta avvicinando. Allo stesso modo è più preciso nell’individuare quando c’è qualcosa di veloce in movimento”.

Francesca Mancuso

Cerca