Tumori, una molecola che 'spegne' il carcinoma

tumore

È stata sintetizzata dal Dana-Farber Cancer Institute, la JQ1, una molecola un grado di bloccare il proliferare delle cellule colpite da una rara forma di carcinoma.

La molecola avrebbe due effetti: in un primo momento riesce a blocca una proteina anormale che si trova nelle cellule cancerose, e in seguito le 'convince' a ritrasformarsi in cellule normali. Una sorta di interruttore, come il professor James Bradner, che ha partecipato allo studio, l'ha definita.

Chiaramente occorre andarci cauti. L'esperimento è stato condotto sui topi e riguarda una specifica e rarissima forma tumorale, il carcinoma della linea mediana, che colpisce i bambini. Si tratta di un tumore che si presenta alla testa, al petto, o al collo, lungo la linea centrale verticale del corpo, caratterizzato da una crescita veloce e con metastasi.

L'esito degli esperimenti sui topi, però ha fatto ben sperare, visto che tutti gli animaletti che l'avevano ricevuta non erano morti, al contrario degli altri. Prossimo obiettivo per i ricercatori, sarà quello di capire se anche nell'uomo una molecola come la JQ1 possa avere lo stesso effetto.

Secondo Bradner "negli ultimi anni è diventato chiaro che la capacità di controllare l’attività genica nel cancro, la manipolazione dell’interruttore on-off dei geni, può essere un efficace approccio per ottenere un impatto sulla malattia. Se è possibile disattivare la funzione di crescita delle cellule di geni del cancro, la cellula muore. In alternativa, invertendo la funzione di un gene nei tessuti, una cellula tumorale può diventare un tessuto cellulare normale".

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature.

Francesca Mancuso

Cerca