Osservato per la prima volta il 'diavolo nero del mare': il video

diavolo nero

Lo Scientific Research Institute Acquarium di Monterey Bay (MBARI, nel suo acronimo in inglese), in California, è riuscito a filmare il misterioso “diavolo nero del mare”, una sorta di pesce degli abissi noto con il nome scientifico Humpback rana pescatrice. Come confermato dai ricercatori del MBARI, questo è il primo video che registra tale esemplare nel suo habitat naturale.

Ma veniamo alle presentazioni. Questo strano pesce può vivere a profondità di 3 mila metri. In questo caso, il campione filmato è una femmina della lunghezza di alcuni centimetri che, al momento della registrazione, si trovava a circa 600 metri di profondità nel Monterey Submarine Canyon, al largo della costa della California. Le immagini sono state scattate e riprese da un veicolo robotizzato soprannominato Don Ricketts.

Il “diavolo nero del mare” è dotato di un'antenna la cui estremità superiore è ricoperta da batteri bioluminescenti, addetti alla fine arte dell'adescamento della preda. E quando questa ne viene attratta, rimane istantaneamente intrappolata nelle temibili fauci piene di denti aguzzi.

Le femmine, o diavolesse che dir si voglia, possono crescere fino a 20 centimetri, mentre il maschio è dieci volte più piccolo e non può sopravvivere da solo. In tal modo, necessita di una compagna. Uno “stile di vita” alquanto mordace ed aggressivo se si considera che il maschio vive da parassita, mordendo la femmina e nutrendosi dei suoi tessuti e sangue, dai quali riceve ossigeno ed ormoni necessari alla sopravvivenza. Ecco perché il suo unico scopo vitale è cercare una compagna.

Queste, al momento, le uniche caratteristiche note di questo esemplare marino, considerate le proibitive profondità nelle quali vive. Tuttavia, il team che lo sta studiando conferma la notevole quantità di ossigeno di cui queste creature ha bisogno. Tanto che, a causa del riscaldamento globale, anche le abitudini del “diavolo nero” starebbero cambiando.