Indonesia: scoperto un vulcano negli abissi

immagine

Dagli abissi del mare emergono sorprese. Gli scienziati dell’Okeanos Explorer hanno scoperto infatti un enorme vulcano che giace a 7.000 piedi di profondità poco lontano dalle coste dell’Indonesia. La scoperta si deve alla missione in cooperazione tra Indonesia/USA Deep-Sea Exploration of the Sangihe Talaud Region (INDEX 2010), che ha avuto avvio a giugno di questo anno e terminerà in agosto.

La scelta di quest’area come luogo di monitoraggio non è casuale. In precedenza, più precisamente nel 2004, erano già state condotte delle perlustrazioni nell’intera regione da alcuni scienziati indonesiani e australiani. Ma le scarse strumentazioni fermarono la missione. 

Oggi i presupposti sono decisamente cambiati. Okeanos Explorer è la nave utilizzata dalla missione INDEX 2010 di proprietà del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). L’imbarcazione è fornita di un sonar e di un veicolo, il ROV, capace di perlustrare i fondali fino a 10.000 piedi di profondità, il cui nome è 'Little Hercules', il quale è riuscito a monitorare il vulcano dalla vetta fino alla sua base.

La scoperta comunque ha dell’incredibile poiché è la prova di come ancora l’uomo abbia molto da scoprire nei suoi oceani.  Il vulcano è apparso così agli scienziati: attorno al cratere ci sarebbe un grosso quantitativo di zolfo giallo e nero; percorrendo i lati del vulcano, questi presenterebbero dei piccoli fumaioli che variano in termini di età e di grandezza strutturale. Da alcuni fuoriusciva del fumo nero, mentre da altri del fluido. Tutto ciò ad una profondità di 6.070 piedi, circa 1850 metri.

I vulcani in Indonesia non sono rari. Non è una sorpresa scoprirne di nuovi. Ma lo è imbattersi in uno nascosto dagli abissi. Il paese è infatti uno dei più attivi del pianeta in termini di presenza e di eruzioni vulcaniche. Proprio la zona del Sud Pacifico è denominata Anello di fuoco.  

Gli esperti ormai da anni monitorano quest’area alla ricerca di nuovi crateri. Il loro prossimo traguardo sarà quello di analizzare il Nuang, un’altra misteriosa montagna che svetta dalle profondità dell’oceano.  

Federica Vitale

Cerca